Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Crisanti a TPI: “Il Veneto sta scoppiando: numeri neri e terapie intensive in affanno”

"1400 nuovi casi in un giorno, sono cifre spaventose per il Veneto. Il tracciamento è allo sbando e qualcuno dovrà prendersi la responsabilità per aver boicottato Immuni. Per le misure il coprifuoco è un tentativo, non si sa se funziona come funziona invece il lockdown. Il vaccino? Come fa Conte ad annunciare che arriva a dicembre se ancora non esiste!". Parla il virologo e professore ordinario di Microbiologia dell’Università di Padova Andrea Crisanti

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 21 Ott. 2020 alle 17:28
467
Immagine di copertina
Andrea Crisanti e Luca Zaia Credits: Emanuele Fucecchi

Preoccupa l’andamento dell’aumento di contagi per Coronavirus. Il boom di casi più significativo è quello che si registra in Veneto con 1.422 nuovi casi nelle ultime 24 ore e un totale di 11.433 soggetti attualmente positivi. Il dato è nettamente peggiore rispetto a quello di ieri, quando i nuovi casi erano stati 490. I decessi sono cinque (sette nelle 24 ore), i ricoverati in area non critica 524 (439 positivi e 85 negativizzati) e quelli in terapia intensiva sono 66 (56 positivi e 10 negativizzati). Per capire meglio la situazione abbiamo intervistato il virologo e professore ordinario di Microbiologia dell’Università di Padova Andrea Crisanti.

Professore, parliamo del Veneto: è stato riaperto anche il Covid Hospital di Schiavonia e i casi continuano a aumentare. Come è messa la Regione?
“Ci sono decine di pazienti ricoverati e la situazione è critica. Il Veneto sta per scoppiare: le terapie intensive sono sotto pressione, e ci sono più di 1400 casi nell’ultimo giorno, questi sono numeri neri. Prospetta malissimo”.
Il direttore di pneumatologia Vianello dice che i medici sono tornati in trincea: è cosi?
“Assolutamente sì. Stiamo tornando come ad Aprile. Sta davvero scoppiando”.

Il coprifuoco basterà come misura o meglio andare in lockdown subito?
“Bastano? E chi lo sa. Una cosa è chiara: Il lockdown funziona e lo abbiamo visto, queste misure intermedie chi può dirlo. Sono tutte in via di sperimentazione. I risultati sono imprevedibili”.
Quindi ci vorrebbe l'”innominabile” lockdown?
“Questione importante da sottolineare: io penso che sia inutile anche il lockdown se non si trova prima il modo di consolidare i risultati del lockdown”.
Ovvero?
“Siamo passati dai 20 casi al giorno a 12mila al giorno. E’ ovvio che il tracciamento non funziona. Non si riesce a rimanere stabili così”.

A proposito del problema tracciamento: il Veneto è la regione dove le Asl hanno interagito di meno con Immuni. perché questo boicottaggio?
“I medici a capo dell’unità di prevenzione se ne sono assunti la responsabilità. Il tracciamento è allo sbando, le Asl non hanno recepito i dati di Immuni. Come pensiamo di fermare i contagi così? Qualcuno dovrà davvero assumersene le responsabilità. Io è da marzo che predico l’importanza del tracciamento”.
Come stiamo messi rispetto alla Francia che ha 20mila casi? All’Irlanda che torna in lockdown nazionale? Al resto d’Europa, insomma?
“La direzioni in cui stiamo andando è verso i numeri della Francia. Questa settimana sappiamo davvero cosa succederà, oggi intanto è una giornata nera”.

Lei dice che è impossibile che il vaccino per il Covid-19 arrivi per dicembre?
“Hanno annunciato l’arrivo delle dosi di vaccino, senza che ci sia stata ancora la scoperta del vaccino. Come fa a arrivare a dicembre un vaccino che ancora non esiste? Basti pensare alle problematiche dei vaccini anti-influenzali: le difficoltà nel reperirlo, le dosi che non bastano neanche alle persone a rischio. E sono vaccino con un processo di produzione oliato e rodato da decine di anni. Figuriamoci per la distribuzione di un vaccino nuovo per il Covid!”
Perché Conte ha fatto questo annuncio allora?
“Perché ha toccato le corde più sensibili delle persone, che credono a quello che vogliono credere. E se si intercettano le paure e le speranze delle persone diventano un po’ populisti questi annunci”.

Leggi anche: 1. Milano, il direttore dell’Ats: “I tamponi non ci salveranno, bisogna stare a casa e tagliare attività non essenziali”; // 2. Il grande flop di Immuni: ecco dove si inceppa il tracciamento e i contagiati circolano indisturbati; // 3. Covid, da venerdì in Campania coprifuoco dalle ore 23. De Luca riapre le scuole elementari da lunedì; // 4. Ospedali al collasso, ambulanze piene, reparti chiusi: ora in Sardegna il Covid fa paura

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

467
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.