Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Coronavirus, Roberto Burioni contro il nuovo sistema di classificazione della Cina: “Non capisco, ci prendono in giro”

Le autorità sanitarie della provincia cinese di Hubei hanno adottato un nuovo sistema di diagnosi e il virologo si dice allarmato

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 13 Feb. 2020 alle 13:19 Aggiornato il 13 Feb. 2020 alle 13:35
511
Immagine di copertina
Roberto Burioni Credit: Twitter

Coronavirus Burioni contro il nuovo sistema di classificazione della Cina

“Lo ammetto: non ci capisco più niente. Chiedo aiuto ai colleghi Pier Luigi Lopalco e Walter Ricciardi”: lo ha scritto sul suo profilo Twitter il virologo Roberto Burioni, riferendosi alla scelta delle autorità sanitarie della provincia cinese di Hubei, epicentro dell’epidemia di nuovo Coronavirus, di adottare un nuovo sistema di diagnosi, facendo così aumentare notevolmente il numero delle persone contagiate e delle vittime.

La Cina negli ultimi giorni aveva infatti cercato di abbassare il numero dei contagi non considerando le persone che non presentavano i sintomi in modo visibile, che invece erano state ritenute pericolose e aggiunte nelle linee guida dell’Oms.

Con questa svolta è aumentato notevolmente il numero di contagiati e vittime: solo nella provincia di Hubei si sono aggiunti in un giorno 14840 casi, 13332 dovuti alla nuova classificazione.

Una mossa che ha spiazzato anche i virologi, in particolare Burioni, che ha assunto una posizione molto critica: “Da questo momento non commento più i dati ufficiali cinesi. Prendano in giro il mondo ma non me. Non si può fare così. O erano numeri inaffidabili ieri o lo sono oggi o lo sono ieri e oggi”.

Va detto che la nuova classificazione è arrivata dopo che la Cina ha rimosso i massimi funzionari del Partito comunista nella provincia di Hubei e nella sua capitale, Wuhan.

Il bilancio dell’epidemia

Le ultime notizie sul Coronavirus vedono aggiornarsi ancora una volta il numero dei morti: il Covid-19 ha ucciso finora 1.367 persone in Cina, secondo gli ultimi dati diffusi, mentre i contagi sono saliti a 59mila.

Nel suo aggiornamento quotidiano, la commissione sanitaria delle provincia di Hubei ha segnalato altri 15.152 contagi avvenuti solo ieri, 12 febbraio 2020. Alla base di questa impennata, però, ci sono i nuovi criteri per la diagnosi.

Leggi anche:

Coronavirus, ultime notizie: 1.367 morti. Dimessi i 20 turisti cinesi dallo Spallanzani

Coronavirus, tra Cina e Italia ora è crisi diplomatica. Pechino: “No a misure eccessive”

Da Singapore alle Alpi svizzere fino a Brighton: è Steven Walsh il “Super untore” del Coronavirus, che adesso è guarito

Coronavirus: la mappa virtuale interattiva aggiornata in tempo reale con i casi in tutto il mondo

Cagliari, ragazzo filippino picchiato con violenza sul bus: “Sei cinese e trasmetti il coronavirus”

Le donne che ci salvano dal virus, le donne che facciamo a pezzi: l’Italia del 2020 (di G. Gambino)

Coronavirus in Italia, psicosi razzista: “Alla larga dai cinesi!” (di G. Gambino)

Virus Cina: tutto quello che c’è da sapere sul virus cinese ed evitare la psicosi

511
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.