Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il coronavirus adesso ha un nome ufficiale: per l’Oms si chiama Covid-19

Immagine di copertina
Credit: EPAWU HONG/Ansa

Il coronavirus ora ha un nome: per l’Oms si chiama Covid-19

“Abbiamo un nome” per il Coronavirus, “è COVID- 19“. Lo ha annunciato il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus in un briefing di aggiornamento con la stampa a Ginevra.

Il nome del virus, Covid-19, è la crasi di alcuni elementi che lo caratterizzano: Corona, virus e didease (malattia), ha spiegato il direttore generale dell’Oms, sottolineando inoltre che “non contiene alcuna indicazione geografica o riferimento animale o umano. È pronunciabile e serve perché rappresenta uno standard utilizzabile da tutti”.

Fino a questo momento il virus era stato denominato temporaneamente “2019-nCoV”, un titolo che include l’anno della sua scoperta, la sigla “CoV”, che sta per coronavirus, e la lettera “n” (come “nuovo”), che indica i termini utilizzati dagli scienziati per differenziare il nuovo virus dai precedenti.

Questo nome tuttavia non era facile da usare e per questo i media e la popolazione hanno usato altri nomi per riferirsi al virus. Per ovviare a questa mancanza, pochi giorni fa l’Oms ha affidato il “compito urgente” di decidere formalmente un nome per il virus all’International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV).

“Il pericolo quando non si ha un nome ufficiale è che le persone iniziano a usare termini come ‘virus cinese’, e questo può creare una reazione contro certe popolazioni”, ha spiegato Crystal Watson, del Johns Hopkins Center for Health Security, indicando la ragione per cui la scelta della denominazione è stata ritenuta una priorità.

L’Oms ha fatto sapere inoltre che “il primo vaccino per il Coronavirus potrebbe essere pronto in 18 mesi”.

“Dobbiamo perciò fare di tutto e usare le armi a nostra disposizione per combattere il virus”, ha aggiunto il direttore generale dell’Oms.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che vi sia una “possibilità realistica” di fermare il virus Covid-19. “Se investiamo adesso, abbiamo una possibilità realistica di fermare questa epidemia”, ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Non dobbiamo consentire a questo virus di avere spazio”, ha aggiunto, spiegando che non si può “sprecare l’opportunità”.

Leggi anche:

Coronavirus, tra Cina e Italia ora è crisi diplomatica. Pechino: “No a misure eccessive”

Coronavirus: la mappa virtuale interattiva aggiornata in tempo reale con i casi in tutto il mondo

QUI TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

Ti potrebbe interessare
Esteri / Associated Press chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento del palazzo dei media a Gaza
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”
Esteri / Gerusalemme, crolla la tribuna di una sinagoga: almeno 2 morti e 130 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Associated Press chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento del palazzo dei media a Gaza
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”
Esteri / Gerusalemme, crolla la tribuna di una sinagoga: almeno 2 morti e 130 feriti
Esteri / Giornalista palestinese incinta uccisa dalle bombe a Gaza: aveva 30 anni
Esteri / Nuovi raid su Gaza e razzi su Israele. L’Autorità palestinese: “Finora abbiamo avuto 220 morti”. Ucciso alto comandante Jihad Islamica
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace