Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Alla vigilia delle celebrazioni del 25 Aprile tanti attacchi fascisti in tutta Italia

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 24 Apr. 2019 alle 16:25 Aggiornato il 24 Apr. 2019 alle 18:03
0
Immagine di copertina
La lapide dedicata alla battaglia della Bolognina e la statua di Giulia Lombardi, entrambe imbrattate alla vigilia del 25 aprile

Mentre si alza il tono dello scontro politico anche sulle celebrazioni del 25 aprile, in diverse parti d’Italia alcuni monumenti alla memoria dei partigiani sono stati imbrattati dai fascisti.

È successo a Milano, ma anche a Bologna. Gesti che hanno in comune la volontà degli autori di attaccare la memoria della Resistenza e della Liberazione italiana e che prendono di mira monumenti e statue considerate simboli di quel periodo storico.

A Milano, ad esempio, alcuni militanti neofascisti hanno esposto uno striscione in un luogo simbolo della resistenza, Piazzale Loreto. È lì infatti che il 28 aprile 1945 vennero appesi a testa in giù i cadaveri di Benito Mussolini e dell’amante Claretta Petacci.

La mappa delle aggressioni e degli attentati di matrice fascista in Italia

Lo striscione esibiva la scritta “Onore a Mussolini Irr”. Non sono mancati anche cori fascisti.

Qualche giorno prima, stavolta in provincia di Milano, era stata presa di mira una statua raffigurante la staffetta partigiana Giulia Lombardi, giovane operaia assassinata nel 1946 dai repubblichini di Salò.

Genova: M5S denuncia per apologia al fascismo il presidente del Municipio Levante

Il monumento si trova a Vighignolo Milanese, frazione di Settimo Milanese. L’incendio, come denunciato dall’Anpi, è di chiara origine dolosa.

Un altro episodio di vandalismo contro un simbolo partigiano è avvenuto poi a Bologna. Nel capoluogo emiliano, infatti, la lapide dedicata alla battaglia della Bolognina, combattuta dai partigiani, è stata imbrattata e gravemente danneggiata.

È stato il sindaco Virginio Merola a denunciare il fatto: “All’idiozia di chi distrugge sapremo sempre rispondere con l’intelligenza di chi ricostruisce. Il 25aprile ci ha insegnato anche questo”, ha scritto su Twitter.

Sì. Il 25 aprile è divisivo. Tra fascisti e antifascisti (di G. Cavalli per TPI)

25 aprile 2019: dieci canzoni che raccontano la Resistenza

Il 25 aprile di Liliana Segre: “Festeggiatelo, perché chi ignora il passato non oppone resistenza”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.