Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Alla vigilia delle celebrazioni del 25 Aprile tanti attacchi fascisti in tutta Italia

Immagine di copertina
La lapide dedicata alla battaglia della Bolognina e la statua di Giulia Lombardi, entrambe imbrattate alla vigilia del 25 aprile

Mentre si alza il tono dello scontro politico anche sulle celebrazioni del 25 aprile, in diverse parti d’Italia alcuni monumenti alla memoria dei partigiani sono stati imbrattati dai fascisti.

È successo a Milano, ma anche a Bologna. Gesti che hanno in comune la volontà degli autori di attaccare la memoria della Resistenza e della Liberazione italiana e che prendono di mira monumenti e statue considerate simboli di quel periodo storico.

A Milano, ad esempio, alcuni militanti neofascisti hanno esposto uno striscione in un luogo simbolo della resistenza, Piazzale Loreto. È lì infatti che il 28 aprile 1945 vennero appesi a testa in giù i cadaveri di Benito Mussolini e dell’amante Claretta Petacci.

La mappa delle aggressioni e degli attentati di matrice fascista in Italia

Lo striscione esibiva la scritta “Onore a Mussolini Irr”. Non sono mancati anche cori fascisti.

Qualche giorno prima, stavolta in provincia di Milano, era stata presa di mira una statua raffigurante la staffetta partigiana Giulia Lombardi, giovane operaia assassinata nel 1946 dai repubblichini di Salò.

Genova: M5S denuncia per apologia al fascismo il presidente del Municipio Levante

Il monumento si trova a Vighignolo Milanese, frazione di Settimo Milanese. L’incendio, come denunciato dall’Anpi, è di chiara origine dolosa.

Un altro episodio di vandalismo contro un simbolo partigiano è avvenuto poi a Bologna. Nel capoluogo emiliano, infatti, la lapide dedicata alla battaglia della Bolognina, combattuta dai partigiani, è stata imbrattata e gravemente danneggiata.

È stato il sindaco Virginio Merola a denunciare il fatto: “All’idiozia di chi distrugge sapremo sempre rispondere con l’intelligenza di chi ricostruisce. Il 25aprile ci ha insegnato anche questo”, ha scritto su Twitter.

Sì. Il 25 aprile è divisivo. Tra fascisti e antifascisti (di G. Cavalli per TPI)

25 aprile 2019: dieci canzoni che raccontano la Resistenza

Il 25 aprile di Liliana Segre: “Festeggiatelo, perché chi ignora il passato non oppone resistenza”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass