Me

Viterbo, consigliere di CasaPound arrestato per violenza sessuale di gruppo

Immagine di copertina

Un consigliere comunale eletto con Casapound in un comune del viterbese è stato arrestato insieme a un altro uomo per violenza sessuale di gruppo su una 36enne. L’uomo avrebbe commesso gli abusi in un circolo privato a Viterbo di cui avevano la disponibilità esclusiva.

Chi è Francesco Chiricozzi, consigliere Casapound arrestato per stupro

La Squadra mobile e la Digos della questura di Viterbo hanno eseguito due provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti dei due giovani viterbesi di 19 e 21 anni, per violenza di gruppo e lesioni aggravate.

Secondo quanto riferisce TusciaWeb, i due ragazzi avevano indotto una cittadina italiana di 36 anni, nata e residente a Viterbo, ad assumere alcol bevendo e iniziando una serie di approcci sessuali.

La donna avrebbe opposto resistenza e allora i due l’hanno colpita con pugni in pieno volto. Secondo il quotidiano viterbese i due giovani avrebbero approfittato dell’incapacità di reazione della donna per abusare sessualmente di lei.

Quando il consigliere comunale di CasaPound arrestato per stupro pubblicava manifesti fascisti contro i “neri violentatori”

Gli autori hanno filmato la violenza con i loro telefoni.

Il 21enne Francesco Chiricozzi è un consigliere comunale di CasaPound di Vallerano. L’altro giovane è Marco Licci, 19 anni, militante dell’organizzazione politica di estrema destra. Entrambi sono stati espulsi dal movimento. “Qualora e se risultassero colpevoli, auspico pene durissime come per ogni altro infame stupratore. Castrazione compresa”, ha scritto su Twitter il segretario nazionale, Simone Di Stefano.

Anche la donna era una simpatizzante del movimento di estrema destra.

Violenza a Viterbo: nel locale dello stupro l’”Aperitivo antipartigiano”

“Quanto accaduto a Viterbo è scioccante. I balordi che hanno violentato questa ragazza la pagheranno cara. Se quanto riporta la stampa in queste ore corrisponde al vero mi auguro si facciano 30anni di galera. La mia vicinanza e tutto il sostegno possibile alla donna e alla sua famiglia”, ha commentato il vicepremier Di Maio.

La talpa di CasaPound in Campidoglio a Roma