Covid ultime 24h
casi +31.758
deceduti +297
tamponi +215.886
terapie intensive +97

Sanremo 2020, le battute di Fiorello nella seconda serata: lo showman vestito da Maria De Filippi

Lo showman siciliano è salito sul palco dell'Ariston vestito da Maria De Filippi, come promesso ieri sera, tra le risate di Amadeus

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 5 Feb. 2020 alle 20:58 Aggiornato il 5 Feb. 2020 alle 23:46
951
Immagine di copertina

Sanremo 2020, Fiorello vestito da Maria De Filippi: le battute della seconda serata

Inizia una nuova serata di Sanremo 2020 – la seconda – e proprio come ieri i telespettatori di Rai 1 sono pronti a godersi ancora una volta lo show di Fiorello, ospite fisso in tutti e cinque gli appuntamenti del Festival della canzone italiana targato Amadeus.

Se nella prima serata abbiamo visto un Fiorello vestito da sacerdote (“come Don Matteo, l’unico Matteo che funziona in Italia”, ha detto il comico siciliano), nella seconda serata invece lo showman ha voluto cambiare totalmente look. Ieri, infatti, aveva promesso di vestirsi da Maria De Filippi. E alla fine, nonostante qualche incertezza manifestata nel balconcino di Vincenzo Mollica, ha mantenuto la promessa.

La nostra diretta LIVE della seconda serata del Festival di Sanremo 

“L’ho fatto – ha detto Fiorello da dietro le quinte – anche se mi sono un po’ pentito dopo essermi guardato allo specchio”. Poi è sceso per le scale dell’Ariston sulle note di “C’è Posta Per Te”.

“Sembro Boris Johnson piastrato – ha detto lo showman siciliano tra le risate di Amadeus – e volevo ringraziare Fincantieri: non era facile trovare un 45 di questo modello di scarpe”. “Ho anche la caramella – ha continuato – e vorrei stare seduto come Maria, ma è meglio di no”. Poi, Fiorello ha abbracciato il nuovo direttore di Rai 1, Stefano Coletta: “Direttore, questa è la nuova Rai!”.

E poi, sorpresa nella sorpresa, Fiorello ha ricevuto in diretta una telefonata proprio da Maria De Filippi: “Complimenti Amadeus – ha detto la conduttrice Mediaset – ma Fiore, sei bellissimo!”.

sanremo 2020 fiorello battute

Fiorello, il suo secondo sketch sui fiori di Sanremo

Dopo l’esibizione dei giovani e le prime pubblicità, Fiorello è tornato sul palco sulle note dell’Eurovisione. Vestito di rosso, il comico ha chiesto un applauso per il corpo di ballo presente stasera all’Ariston (a differenza di ieri, quando non c’erano ballerini).

Poi, insieme a loro, ha improvvisato alcune coreografie. Subito dopo, ha parlato della reunion dei “Rich and poors”, ovvero i Ricchi e poveri. “Spero mi diano la possibilità di duettare con loro, mi metto in mezzo ai Ricchi e poveri e faccio il reddito di cittadinanza”.

Fiorello ha poi parlato del “fiorismo”, o del “razzismo floreale” a Sanremo: “Date i fiori anche agli uomini – ha urlato lo showman – altrimenti si crea del razzismo. Anche a uno come Mario Biondi, con quel vocione, farebbe piacere ricevere dei fiori”.

Dopodiché, Fiorello ha chiesto alla sala stampa di Sanremo – collegata con l’Ariston – di ascoltare la sua prossima esibizione (un brano dal titolo “La classica canzone di Sanremo”) per poi consegnargli un premio, nel caso in cui la canzone fosse piacevole. “Non ho mai vinto un premio in vita mia – ha detto lo showman – quindi oggi è il momento giusto. Voglio il Lumino d’Oro“.

“È una canzone qualunquista, senza polemica sessista”, ha cantato Fiorello con un netto riferimento alle polemiche che hanno travolto Amadeus alla vigilia del Festival.

sanremo fiorello

Il terzo sketch: introdotto Djokovic

Nel terzo sketch della serata, Fiorello ha introdotto il tennista numero uno al mondo nella classifica ATP, Novak Djokovic. “Questa racchetta – ha detto lo showman – farà il 40 per cento”.

Poi, riferendosi al giocatore di tennis: “Lo vedi Amadeus? Ti do un consiglio: prendilo come ufficio stampa. La tua carriera durerebbe tre giorni”. Poi Fiorello, Amadeus e Djokovic hanno intonato insieme “Terra promessa” di Eros Ramazzotti.

sanremo 2020 fiorello

Con i Ricchi e Poveri

Subito dopo la storica esibizione dei Ricchi e Poveri, che hanno cantato nella loro formazione originale, Fiorello è salito sul palco nel ruolo del “quinto Ricco e Povero”. Poi, insieme agli artisti, ha cantato la canzone “Che sarà”.

Fiorello, cosa ha fatto nella prima serata di Sanremo 2020

Nella fase iniziale della prima serata, sul palco dell’Ariston Fiorello è salito con un vestito da sacerdote e si è reso protagonista di un monologo nel quale ha preso di mira un po’ tutti: dalle sardine al Movimento Cinque Stelle (e in particolare Rocco Casalino), da tutti gli ospiti che hanno rinunciato a partecipare a Sanremo (Salmo e Monica Bellucci su tutti) a Matteo Salvini, con la chiosa finale: “Ricordati che a Sanremo si entra Papa e si esce Papeete”.

È stato proprio in quel frangente che Fiorello ha fatto una promessa al pubblico di Sanremo: “Se faccio il 40% con sto vestito domani mi vesto da Maria De Filippi”. La prima serata di Sanremo ha fatto molto di meglio, sfondando il muro del 52 per cento. Lo showman siciliano manterrà la sua promessa?

Leggi anche:

Sanremo 2020, le pagelle di Selvaggia Lucarelli | Prima serata

Viva il tutù, viva la tunica di Gucci e viva il pacco in evidenza: Achille Lauro è la regina di Sanremo

La bellezza capita, ma anche il dito sul telecomando per cambiare canale quando parla Diletta Leotta

TUTTE LE NOTIZIE SUL FESTIVAL DI SANREMO 2020

SANREMO 2020, I TESTI DI TUTTE LE CANZONI IN GARA

951
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.