Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » TV

Pietro Mennea, la storia vera dell’atleta italiano da cui è tratta la miniserie della Rai

Immagine di copertina

Pietro Mennea, il velocista più amato d’europa: chi era e la storia vera da cui trae spunto la miniserie della Rai

Chi era Pietro Mennea? Perché la Rai ha deciso di dedicargli una miniserie, che va in onda in replica lunedì 24 luglio 2020? Pietro Paolo Mennea sarà per sempre ricordato come il più grande corridore italiano nella storia dell’atletica leggera. Nato a Barletta nel 1952, dal suo soprannome – la freccia del sud – trae spunto la serie televisiva. Mennea ha vinto la medaglia d’oro dei 200 metri piani e due bronzi alle Olimpiadi estive di Mosca (1980): fu proprio in quegli anni che la sua fama ebbe un aumento esponenziale, tutti lo conoscevano e non soltanto in Italia, in particolare per lo storico record mondiale sui 200 metri piani: correva l’anno 1979 e Mennea partecipava alle Universiadi di Città del Messico, un record durato 17 anni (superato poi da Michael Johnson). Mennea è stato l’unico duecentista della storia ad essersi qualificato per quattro finali olimpiche consecutive, dal 1972 al 1984.

Pietro Mennea, la freccia del Sud: tutto sulla miniserie

Pietro Mennea, la storia vera

Della sua carriera, oltre all’oro, Mennea ha vinto anche un argento ai Mondiali e sei medaglie agli Europei. Oltre all’atletica, il velocista conseguì anche quattro lauree (scienze politiche, giurisprudenza, scienze motorie e lettere), insegnò persino all’università, fece l’avvocato, il commercialista e il parlamentare europeo. Insieme a sua moglie ha fondato la Fondazione Pietro Mennea, una ONLUS benefica per la ricerca e lo sport. Mennea  morto nel 2013, in una clinica a Roma: aveva 60 anni e fu un tumore al pancreas a portarlo via. A lui è dedicato il Golden Gala di Roma, un evento internazionale di atletica leggera che si svolge ogni anno allo stadio Olimpico di Roma.

La miniserie che va in onda in replica sulla Rai è stata ideata da Ricky Tognazzi e si basa sulla vita dell’atleta, ispirandosi liberamente al libro “La grande corsa” realizzato proprio da Mennea.

Ti potrebbe interessare
TV / La Compagnia del Cigno 3 si farà? Le anticipazioni sulla terza stagione
TV / La compagnia del Cigno 2: le anticipazioni (trama e cast) della sesta e ultima puntata
TV / Che tempo che fa: ospiti e anticipazioni della puntata di oggi, 16 maggio 2021
Ti potrebbe interessare
TV / La Compagnia del Cigno 3 si farà? Le anticipazioni sulla terza stagione
TV / La compagnia del Cigno 2: le anticipazioni (trama e cast) della sesta e ultima puntata
TV / Che tempo che fa: ospiti e anticipazioni della puntata di oggi, 16 maggio 2021
TV / La compagnia del Cigno 2: cosa è successo nella quinta puntata, il riassunto
TV / Che tempo che fa streaming e diretta tv: dove vedere la puntata di oggi, 16 maggio
TV / Avanti un altro pure di sera: anticipazioni e ospiti della puntata del 16 maggio 2021
TV / Che tempo che fa: gli ospiti di stasera, 16 maggio
TV / Avanti un altro pure di sera streaming e diretta tv: dove vedere la sesta puntata
TV / From Paris with love: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Il gladiatore: tutto quello che c’è da sapere sul film