Coronavirus:
positivi 80.572
deceduti 13.155
guariti 16.847

Sanremo 2020, Ghali è l’ospite della quarta serata: chi è il rapper milanese e quali sono le curiosità sulla sua vita e la sua carriera

L'artista calca per la prima volta il palco del teatro Ariston dove proporrà un medley dei suoi successi e il nuovo singolo tratto dal suo ultimo album

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 7 Feb. 2020 alle 17:30 Aggiornato il 7 Feb. 2020 alle 20:47
58
Immagine di copertina

Ghali ospite di Sanremo 2020: chi è il rapper, le curiosità sulla sua carriera

È il rapper Ghali l’ospite della quarta serata di Sanremo 2020: ecco chi è il cantante di origine tunisine e quali sono le curiosità sulla sua carriera.

Tra i più talentuosi artisti del panorama rap, Ghali è stato scelto come ospite della serata in cui verrà incoronato il vincitore della categoria Nuove Proposte.

Ghali, che calca per la prima volta nella sua carriera il palco del teatro Ariston di Sanremo, presenterà un medley dei suoi successi e il nuovo singolo tratto dal suo ultimo album Dna.

TUTTE LE NOTIZIE SUL FESTIVAL DI SANREMO 2020

Sanremo 2020: chi è Ghali, il super ospite della quarta serata

Ghali, il cui nome per intero è Ghali Amdouni, è nato a Milano, da genitori tunisini, il 21 maggio 1993. Il rapper ha sempre vissuto nel capoluogo lombardo, trascorrendo gran parte della sua infanzia a Baggio, quartiere periferico di Milano.

Ghali si avvicina all’hip hop sin da giovanissimo utilizzano lo pseudonimo di Fobia e poi, successivamente, quello di Ghali Foh. Nel 2011, fonda la crew Troupe D’Elite. Il gruppo firma un contratto discografico con l’etichetta Tanta Roba di Gué Pequeno e, l’anno seguente, pubblica l’omonimo album, stroncato dalla critiche che lo definisce: “Uno dei punti più bassi dell’hip hop italiano”.

Nel 2013, Ghali, che nel frattempo si fa conoscere anche grazie al collega Fedez, che lo fa esibire nel corso delle varie tappe del suo tour, pubblica Leader Mixtape in cui collabora con artisti quali Sfera Ebbasta e Maruego.

Nel 2015, il rapper cambia il nome d’arte in quello attuale, ovvero solamente Ghali, mentre due anni più tardi pubblica Lunga vita a Sto, la sua prima raccolta discografica.

Il successo vero e proprio arriva un anno più tardi, nel 2016, quando il rapper pubblica su Spotify il brano Ninna nanna, che ha stabilito il nuovo record di streaming in Italia, ottenendo il più alto ascolto al suo primo giorno.

Il singolo è stato certificato triplo disco di platino dalla Fimi per le oltre 150mila copie vendute.

Successivamente, Ghali pubblica altri due singoli, Pizza kebab e Happy Days, mentre il 26 maggio 2017 esce il suo primo disco, dal titolo Album.

Album viene certificano disco di platino con oltre 50.000 copie vendute.

La consacrazione, però, arriva nel 2018 grazie al singolo Cara Italia, che viene anche scelto per lo spot pubblicitario della Vodafone.

Dal 2018 al 2019, Ghali pubblica altri singoli: da Peace & Love, realizzato con Charlie Charles e Sfera Ebbasta, a Zingarello sino ad I Love You.

Nel 2019 e nel 2020, realizza altri due singoli: Flashback e Boogieman, quest’ultimo realizzato con Salmo, che anticipano l’uscita, prevista per il prossimo 20 febbraio, del suo secondo album Dna.

SANREMO 2020, I TESTI DI TUTTE LE CANZONI IN GARA

Le curiosità sulla vita e la carriera di Ghali, ospite di Sanremo 2020

Ghali ha sempre espresso ammirazione per i cantanti Stromae e Michael Jackson, i quali a suo dire hanno influenzato il suo stile musicale, e di conseguenza anche la sua carriera, ma anche per Jovanotti, considerato uno dei suoi artisti preferiti.

Il rapper è molto restio a parlare della sua vita privata. Di certo c’è che suo padre è stato arrestato quando lui era un bambino. Ghali è cresciuto solo con la madre che, all’età di 38 anni, si è ammalata di cancro, riuscendo fortunatamente a sconfiggere la malattia.

Alla mamma, il rapper ha dedicato uno dei suo brani, Habibi, che significa “amore mio”.

L’artista, inoltre, ha raccontato di essere stato vittima di bullismo quando era adolescente, ma che ha trovato la forza di reagire grazie alla musica e alla scrittura.

LE ULTIME SUL FESTIVAL

58
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.