Me

Puglia, invasione di pappagalli verdi: “Effetto della tropicalizzazione del clima”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 14 Giu. 2019 alle 19:11 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:17
Immagine di copertina

Piccoli pappagalli verdi, all’apparenza dolcissimi, stanno distruggendo interi raccolti. Si tratta della specie di pappagalli Myiopsitta Bonaparte, simpatici volatili colorati che stanno invadendo l’intera Puglia.

A lanciare l’allarme è la Coldiretti: “Si sono moltiplicate le segnalazioni da parte degli agricoltori, colpiti dalla presenza sempre più evidente di stormi di pappagalli”.

Con la tropicalizzazione del clima, si sta verificando “una invasione di pappagalli verdi nelle campagne che, dal primo insediamento a Molfetta, hanno preso possesso di città e campagne a Bisceglie, Giovinazzo, Palese, Santo Spirito, Bitonto, Bitetto, Palo del Colle, Binetto, Grumo Appula, fino a spingersi sull’Alta Murgia”.

Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia ha spiegato che questi piccoli pappagalli verdi ricoprono di escrementi i raccolti, “con quantitativi tali di guano da renderli impresentabili sul mercato”.

I parrocchetti monaci della specie Myiopsitta Bonaparte si nutrono principalmente “di frutta, con una predilezione per le mandorle, dimostrando una straordinaria abilità nel beccare e rompere il guscio, estraendo il frutto e lasciando il mallo attaccato all’albero”.

Coldiretti ha sottolineato che “fanno il paio con i pappagalli gli storni che colpiscono particolarmente il settore olivicolo, con un danno fra il 30 per cento e oltre il 60 per cento soprattutto nelle zone a ridosso del mare, Adriatico e Jonio, dove gli agricoltori non hanno strumenti per arginare la presenza eccessiva e sono in progressivo aumento degli storni divenuti stanziali. Il caldo anomalo degli ultimi anni ha fatto convertire la specie protetta da migratoria a stanziale. Si sta sottovalutando un problema che alcune aree è veramente grave e ingestibile”.

Nuoro, invasione di cavallette: “Sono milioni e stanno facendo terra bruciata”

Dopo le cavallette è emergenza cimici nel Nord Italia: “Sono pericolose”