Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Palamara al TPI Fest: “Se tornassi indietro non rifarei le stesse cose. Sono pentito”

 

Luca Palamara: “Tornassi indietro non rifarei le stesse cose, sono pentito”

Sono pentito – ha detto Luca Palamara – tornassi indietro non rifarei le stesse cose, eviterei questo meccanismo di relazioni e sarei molto più netto su reiterate e numerose richieste di raccomandazione che hanno caratterizzato la mia persona in quegli anni”. In una lunga intervista  al direttore del giornale online Giulio Gambino Luca Palamara si racconta e racconta i fatti che lo hanno visto al centro dello scandalo magistratopoli, durante la terza serata del TpiFest!

“Il mio è un ruolo che rischia di inghiottirti, che ti esaspera e ti fa perdere il contatto con la realtà e rispetto al quale la mia capacità relazionale mi favoriva. Stiamo parlando di un meccanismo di individuazione del miglior dirigente sulla base di un accordo. In magistratura così come in politica e nei giornali. In Italia tutte le nomine avvengono su questa base”.

Poi Palamara ha spiegato: “Non bastano solo le carte, spesso i curriculum sono sovrapponibili. Bisogna raccogliere maggiori informazioni e raggiungere accordi per favorire la situazione migliore perché se nel sistema delle correnti ogni corrente dice ‘io devo mettere uno qui e io uno li'”.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi