Me
HomePolitica

Mattia Santori a TPI: “Sardine a Bibbiano? Andremo li perché i cittadini ci hanno chiamato”

Di Giulio Gambino
Pubblicato il 19 Gen. 2020 alle 18:29 Aggiornato il 23 Gen. 2020 alle 12:05

Mattia Santori a TPI: “Sardine a Bibbiano? Andremo li perché i cittadini ci hanno chiamato”

“Non abbiamo più bisogno della Lega per riempire una piazza”. Con queste parole Mattia Santori, uno dei fondatori delle Sardine, risponde in un’intervista video a TPI, al direttore Giulio Gambino, che nel giorno della manifestazione a Bologna gli chiede come siano cambiate le Sardine a un mese e mezzo dalla lunga intervista in cui raccontò alla nostra testata la nascita del movimento. Santori spiega inoltre le ragioni della scelta delle Sardine di recarsi a Bibbiano, il comune al centro dello scandalo sugli affidi illeciti, diventato simbolo delle polemiche leghiste contro il Pd.

Le Sardine si sono radunate a Bologna oggi, domenica 19 gennaio 2020, per una nuova manifestazione a una settimana dalle elezioni in Emilia Romagna. Tuttavia, come ha sottolineato Santori in un’altra intervista, il raduno di oggi non ha scopi elettorali.

“Non si parlerà di politica né di elezioni”, ha detto il leader delle Sardine. “Ma di temi sociali, ambiente, uguaglianza, lavoro, ‘ndrangheta. Abbiamo tanti ospiti che verranno qui a portare cultura. La rivoluzione è questa: tornare a fare politica partendo dalla comunità”.

Leggi anche:

Sardine a Bologna, Santori: “Non è una manifestazione contro Salvini” | VIDEO

“Salvini non lo sa ma sono un suo fan”, Pif con la felpa leghista alla manifestazione delle Sardine a Bologna

“Sardina ospita Sardina”: le Sardine aprono le proprie case per la manifestazione a Bologna | VIDEO

Le Sardine tornano a Bologna a gennaio e possono ancora influenzare il voto delle Regionali

Bologna, l’organizzatore delle sardine a TPI: “15mila persone più forti di Salvini”

Le sardine raccolgono 50mila euro in 5 giorni per la nuova manifestazione di Bologna

Sardine a Bologna: Pif, Subsonica e Afterhours in Piazza VIII agosto per la manifestazione del 19 gennaio