Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

Zona Rossa, la pm Rota a TPI dopo aver sentito Conte: “Spettava al Governo? Ad oggi non ho altro da aggiungere”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 12 Giu. 2020 alle 17:38 Aggiornato il 12 Giu. 2020 alle 18:32
876

Zona Rossa, Rota a TPI

All’uscita da Palazzo Chigi dopo l’audizione del premier Conte e dei ministri Lamorgese e Speranza nell’ambito dell’inchiesta sulla mancata chiusura dei comuni di Alzano Lombardo e Nembro, la pm di Bergamo Maria Cristina Rota ha risposto alla domanda della giornalista di TPI Veronica di Benedetto Montaccini. La nostra inviata ha chiesto a Rota se fosse pentita di quanto dichiarato il 29 maggio scorso, quando ha affermato che la mancata istituzione della zona rossa nella bergamasca “era responsabilità di Roma”. Oggi la pm dichiara a TPI: “Io avevo detto che dalle dichiarazioni che avevamo in atto in quel momento emergeva quello, ma oggi non ho altro da aggiungere”. Rota ha inoltre dichiarato: “Oggi abbiamo sentito alcune persone informate sui fatti, il presidente del Consiglio, il ministro della Salute e degli Interni. Le audizioni si sono svolte in un clima di massima collaborazione istituzionale e ora andiamo a completare il nostro lavoro”.

Rota tornerà a Bergamo dove la Procura ha avviato l’inchiesta per stabilire se spettava al Governo o alla Regione istituire la zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro durante i primi giorni di marzo, quando l’Istituto Superiore di Sanità evidenziava, in una nota visionata in esclusiva da noi di TPI “l’incidenza di contagi da Covid-19” nei due comuni e ne raccomandava l’isolamento immediato e la chiusura. Obiettivo delle indagini è anche quello di stabilire se la decisione di non chiudere la Val Seriana sia stata una delle cause che ha portato all’alto numero di morti per Covid nella zona, e soprattutto se vi è una responsabilità penale, e non solo politica, dei decisori.

Durante il colloquio di circa tre ore che si è svolto questa mattina tra il premier e la pm di Bergamo a Palazzo Chigi, Conte ha ribadito ancora una volta che la Regione Lombardia aveva gli strumenti tecnici per agire in autonomia come hanno fatto altre Regioni. Intanto, nel corso delle indagini, la Procura ha acquisito tutto il materiale d’inchiesta esclusivo di TPI, tra cui la nota ufficiale di risposta che il premier ha inviato al nostro giornale per spiegare di chi era la responsabilità di istituire la zona rossa nella Val Seriana. Acquisite anche le dichiarazioni di Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia, e la lettera di Giuseppe Marzulli, il direttore dell’ospedale di Alzano che il 25 febbraio chiedeva di chiudere l’ospedale a causa del Covid-19 rimanendo però inascoltato. Tutte testimonianze raccolte da TPI e dalla giornalista Francesca Nava.

L’inchiesta di TPI sulla mancata chiusura della Val Seriana per punti:

876
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.