Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Draghi, cosa significa accettare con riserva: l’iter per la formazione del governo

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito l'incarico a Mario Draghi, il quale ha accettato con riserva. Ecco cosa significa e quali sono i prossimi passaggio per la formazione del governo

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 3 Feb. 2021 alle 14:08 Aggiornato il 3 Feb. 2021 alle 14:21
145
Immagine di copertina
Mario Draghi. Credits: Ufficio stampa Quirinale

Governo Draghi | Accettare con riserva significato | Incarico con riserva significato | Cosa vuol dire accettare con riserva

Draghi ha accettato con riserva. L’ex presidente della Bce Mario Draghi ha accettato l’incarico di formare un governo che gli ha conferito il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ma nel concreto, quali passaggi ci aspettano adesso? Cosa vuol dire accettare con riserva? Quand’è che avremo un nuovo governo? Spieghiamo il significato. L’Italia è una Repubblica parlamentare, una forma di governo secondo la quale gli elettori eleggono il Parlamento, che a sua volta dà la fiducia a un esecutivo.

Leggi anche: Draghi ha i numeri in Parlamento? Ecco chi voterà la fiducia al governo istituzionale (e chi ci sta pensando)

Draghi, il conferimento dell’incarico con riserva | Significato

Dopo l’incontro e il conferimento dell’incarico da parte del presidente della Repubblica, il presidente del Consiglio incaricato Draghi accetta con riserva, e dopo un breve giro di consultazioni, si reca nuovamente dal Presidente della Repubblica per sciogliere la riserva, sia che abbia un esito positivo che negativo.

Accettare con riserva significa che il premier incaricato si propone di fare opportune verifiche con le forze politiche rappresentate in Parlamento per poi presentarsi al Quirinale e scioglierla, in senso positivo o negativo. Nel 2008 Silvio Berlusconi accettò immediatamente l’incarico, senza riserva, comunicando immediatamente l’elenco dei ministri.

Se le consultazioni andranno a buon fine, e ci sarà un governo in grado di ricevere la fiducia del Parlamento, il presidente della Repubblica emanerà tre decreti: quello di nomina del Presidente del Consiglio, controfirmato dal Presidente del Consiglio nominato, quello di nomina dei singoli ministri, controfirmato dal Presidente del Consiglio, e quello di accettazione delle dimissioni del Governo uscente.

L’art.92 della Costituzione disciplina la formazione del Governo con una formula semplice e concisa: “Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri“. L’incarico è conferito in forma esclusivamente orale, al termine di un colloquio tra il Presidente della Repubblica e la personalità prescelta.

Del conferimento dell’incarico da’ notizia, con un comunicato alla stampa, alla radio e alla televisione, il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica. Una volta conferito l’incarico, il Presidente della Repubblica non può interferire nelle decisioni dell’incaricato, né può revocargli il mandato per motivi squisitamente politici.

Draghi dovrebbe ottenere il sostegno della maggioranza del Parlamento. Se l’appoggio di Pd, Italia Viva e Forza Italia sembra scontato, la Lega deve ancora sciogliere il nodo, mentre M5S si è spaccato dopo che il capo politico Vito Crimi ha annunciato il “no” alla fiducia.

Draghi, il giuramento e la fiducia

Prima di assumere le funzioni, il Presidente del Consiglio e i Ministri devono prestare giuramento secondo la formula rituale indicata dall’art. 1, comma 3, della legge n. 400/88. Il giuramento rappresenta l’espressione del dovere di fedeltà che incombe in modo particolare su tutti i cittadini ed, in modo particolare, su coloro che svolgono funzioni pubbliche fondamentali (in base all’art. 54 della Costituzione).

Entro dieci giorni dal decreto di nomina, il Governo è tenuto a presentarsi davanti a ciascuna Camera per ottenere il voto di fiducia, voto che deve essere motivato dai gruppi parlamentari ed avvenire per appello nominale, al fine di impegnare direttamente i parlamentari nella responsabilità di tale concessione di fronte all’elettorato. Il Presidente del Consiglio e i Ministri assumono le loro responsabilità sin dal giuramento e, quindi, prima della fiducia.

Il presidente del consiglio giura con questa formula: “Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione”.

Leggi anche: 1. Crisi di governo, il discorso di Mario Draghi al Quirinale: “Momento difficile, dobbiamo essere all’altezza. Fiducioso emerga unità”; // 2. Draghi ha i numeri in Parlamento? Ecco chi voterà la fiducia al governo istituzionale (e chi ci sta pensando); // 3. Ecco chi ha convinto Mattarella a chiamare Draghi per un governo di alto profilo (di Marco Antonellis); // 4. Qui Radio Colle, Draghi premier ma solo se blinda già la presidenza della Repubblica (di M. Antonellis); // 5. Dopo aver ingannato Mattarella, ora Renzi rischia di mettere nei guai anche Draghi (di Luca Telese);// 6. Il sonno della politica genera tecnici (del vicedirettore Stefano Mentana)

Mario Draghi chi è – 1. “Lo chiamavano l’Americano”: tutte le curiosità sull’ex presidente della Bce Mario Draghi; // 2.Chi sono Federica e Giacomo, i figli di Mario Draghi: lavoro e studi; // 3. Dove vive Mario Draghi, le case dell’ex presidente della Bce (futuro premier?); // 3. Mario Draghi, partito e orientamento politico dell’ex presidente della Bce; // 4. Chi è Serena Cappello, la moglie di Mario Draghi

145
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.