Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il M5s dice no a Draghi. Crimi: “Non lo votiamo”. C’è il rischio scissione

Immagine di copertina
Credit Image: Ansa

Il capo politico del M5S Vito Crimi ha annunciato che il Movimento 5 Stelle non voterà la fiducia al governo istituzionale guidato da Mario Draghi (qui le ultime notizie sulla crisi di governo). Il Movimento discuterà delle prossime mosse in  un’assemblea congiunta di deputati e senatori grillini, convocata online per oggi alle 13.

Ma intanto, circa un’ora dopo la convocazione dell’ex presidente della Bce da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e l’appello del capo dello Stato alle forze politiche, affinché sostenessero un governo tecnico per non andare immediatamente al voto, Crimi ha preso posizione.

M5S dice “no” al governo Draghi

“Ringrazio il Presidente Mattarella per aver cercato di consentire la nascita di un governo politico, concedendo gli spazi e gli strumenti opportuni affinché ogni forza parlamentare potesse agire nell’interesse del Paese, con senso di responsabilità. Purtroppo non è stato possibile”, si legge nella nota di Crimi.

“Qualcuno ha deciso di anteporre i propri interessi, la ricerca delle poltrone, a quelli dei cittadini”, prosegue Crimi. “Il Capo dello Stato ha dovuto dunque prendere atto della situazione e intraprendere la strada più impervia, quella di un governo tecnico. Una tale tipologia di esecutivi è già stata adottata in passato, con conseguenze estremamente negative per i cittadini italiani”.

“Il Movimento 5 Stelle”, conclude il capo politico M5S, “già durante le consultazioni, aveva rappresentato che l’unico governo possibile sarebbe stato un governo politico. Pertanto non voterà per la nascita di un governo tecnico presieduto da Mario Draghi”.

Simili i toni usati dal sottosegretario uscente alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro, che in un tweet scrive: “Ringrazio il Presidente Mattarella per il suo impegno nel voler dare un Governo al Paese, ma noi siamo sempre stati chiari con gli italiani dicendo apertamente che il M5S avrebbe sostenuto solo un Esecutivo guidato da Giuseppe Conte. Su questo, con coerenza, andremo fino in fondo”.

Un “no” è arrivato anche dall’ex ministro M5S ai Trasporti Danilo Toninelli: “Non ci vengano a chiedere di votare Mario Draghi”, ha scritto su Facebook. “Noi siamo un MoVimento fatto di cittadini volenterosi e onesti entrati nelle istituzioni per far sentire la voce della gente dentro i palazzi del potere. Non siamo l’establishment e non possiamo votare per l’establishment. Meglio andare al voto o stare all’opposizione per bloccare ogni porcheria eventuale a danno della gente”.

Contrario al governo Draghi anche Alessandro Di Battista, che ad agosto ha scritto su TPI un articolo in cui definisce l’ex presidente della Bce il “nuovo idolo dell’establishment politico-finanziario italiano”. Anche il deputato Andrea Colletti e il senatore Elio Lannutti su Twitter hanno comunicato che non intendono votare un governo Draghi.

Il rischio spaccatura

La presa di posizione contro il governo Draghi, ancora prima dell’assemblea pentastellata, irrita tuttavia alcuni dei parlamentari. “Ma chi l’ha decisa questa linea”, si chiede una parte di loro, come riporta l’Huffington Post, citando una fonte della squadra di governo che ritiene “molto probabile” che si arrivi alla scissione nel Movimento.

A esprimersi apertamente in senso contrario, per ora, nessuno dei vertici, ma il deputato Giorgio Trizzino invita ad ascoltare Mattarella e seguire le decisioni del Capo dello Stato. “La forza più votata del Paese riuscirà a votare un governo sovranista, un governo europeista e ora riuscirà a votare anche un governo tecnico”, ha scritto critico su Facebook l’ex grillino Gianluigi Paragone.

Leggi anche: 1. Qui Radio Colle, Draghi premier ma solo se blinda già la presidenza della Repubblica (di M. Antonellis) /2. Crisi di governo, Mattarella convoca Draghi: cosa succede adesso

3. Chapeau, Mario Draghi: hai spiegato ai tedeschi che col loro ottuso rigorismo, in questa battaglia si muore (di L. Telese)/4. Draghi e i suoi derivati (di Alessandro Di Battista)

Ti potrebbe interessare
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Ti potrebbe interessare
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale
Politica / Il social media manager di Taffo scende in campo per Roma: “Le nostre idee per migliorare la città”