Bologna, danneggiata l’auto della donna che ha portato Salvini al citofono del presunto spacciatore

Stamattina il marito della signora, Luciano Sanguettoli, ha trovato l'auto con il parabrezza rotto da un mattone: "Ho fatto denuncia ai carabinieri"

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 22 Gen. 2020 alle 15:37 Aggiornato il 22 Gen. 2020 alle 16:04
4.7k
Immagine di copertina
L'auto del signor Luciano Sanguettoli, danneggiata nella notte (Credits: Marta Vigneri, inviata a Bologna per TPI)

Bologna, danneggiata auto della donna che ha portato Salvini a suonare al citofono

Sale la tensione al Pilastro, periferia di Bologna, dopo le polemiche scaturite ieri sera contro Matteo Salvini che si è presentato – su indicazione di una signora, Anna Rita Biagini – al citofono di un presunto spacciatore: nella mattina di oggi, mercoledì 22 gennaio 2020, è stata danneggiata l’auto del marito della signora in questione.

Stamattina, infatti, il signor Luciano Sanguettoli, 75 anni, intorno alle 8 ha trovato la sua auto – una Chevrolet Matiz verde – con il parabrezza rotto da un mattone. “Ho fatto denuncia ai carabinieri”, ha spiegato ai giornalisti.

Secondo quanto raccolto dall’inviata di TPI a Bologna, Marta Vigneri, la signora Biagini – 61 anni – ha ricevuto minacce dopo ieri sera, quando ha accompagnato personalmente il leader della Lega nel suo tour elettorale nella periferia bolognese. “Alcune persone – ha spiegato – mi hanno detto che mi sono comportata male. Conosco quelle persone, fanno parte dello stesso giro del ragazzo”.

La signora Anna Rita ha anche dichiarato di “non avere paura per essersi mostrata vicino a Salvini” visto che tutti conoscono il suo impegno per denunciare “gli spacciatori e il degrado della zona”. Ha affermato, invece, di aver paura a uscire la sera. E che, per questo motivo, porta sempre con sé una pistola “regolarmente denunciata”.

Leggi anche:

Parla il presunto spacciatore a cui ha citofonato Salvini: “Non spaccio. Ho 17 anni e vado a scuola”

Salvini vada a caccia di spacciatori senza telecamere e senza scorta (di Lara Tomasetta)

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno (di Luca Telese)

Se Salvini può citofonare sentendosi uno sceriffo la colpa è nostra: ormai tutto è permesso (di L. Tosa)

L’agenzia di pompe funebri Taffo prende in giro Salvini: “È vero che lei è spacciato?”

L’avvocato a TPI: “Salvini potrebbe essere denunciato, 4 ipotesi di reato” per aver citofonato al tunisino

4.7k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.