Coronavirus:
positivi 13.428
deceduti 34.938
guariti 194.273

L’avvocato a TPI: “Salvini potrebbe essere denunciato, 4 ipotesi di reato” per aver citofonato al tunisino

Riccardo Bucci, dell'associazione Alter Ego - Fabbrica dei diritti, spiega a TPI quali sono le possibili fattispecie di reato per il gesto di Salvini, che ha citofonato a un presunto spacciatore tunisino

Di Stefano Mentana
Pubblicato il 22 Gen. 2020 alle 14:14 Aggiornato il 24 Gen. 2020 alle 10:31
14k
Immagine di copertina

Dopo le piazze, il web e le televisioni, la sempre più accesa campagna elettorale per le regionali in Emilia-Romagna ha toccato un altro mezzo di comunicazione: i citofoni.

Il leader leghista Matteo Salvini, infatti, durante una visita nel quartiere popolare bolognese del Pilastro, dopo la segnalazione da parte di una residente del posto su un presunto spacciatore attivo nella zona, è andato a citofonare all’abitazione del giovane, un minorenne tunisino, durante una diretta Facebook e seguito da numerose telecamere.

Il gesto ha sollevato numerose critiche e polemiche: è stato fatto in pubblico il nome del ragazzo, è stata mostrata la sua abitazione, e lo stesso giovane ha annunciato una denuncia alla signora che ha fatto il suo nome a Salvini.

Ma quindi, mettendo da parte qualsiasi altro aspetto, potrebbero essersi verificati alcuni problemi di carattere legale in questo gesto? TPI lo ha chiesto all’avvocato Riccardo Bucci, dell’associazione Alter Ego – Fabbrica dei diritti.

Avvocato Bucci, Salvini ha violato la legge con la sua citofonata di ieri?

Se ha violato la legge lo decide un giudice, ma sicuramente ci sono numerosi fatti che possono essere oggetto di denuncia. Primo tra tutti, c’è una violazione della privacy del ragazzo, del quale Salvini fa il nome rendendolo così individuabile e rintracciabile, dal momento che ha mostrato il suo domicilio in pubblico.

In questo modo chiunque abbia visto il video può essere in grado di recarsi da lui. Oltre a questo, potrebbe configurarsi il reato di diffamazione a mezzo stampa: Salvini accusa pubblicamente una persona di un reato grave, basandosi su indicazioni sommarie e senza reali prove.

Se le accuse al ragazzo fossero vere, cambierebbe qualcosa?

Assolutamente no, perché i processi li fanno le procure, e non si fanno in diretta su Facebook. Oltre tutto, se fosse vero, Salvini in quanto senatore e, come tale, pubblico ufficiale, avrebbe il dovere di denunciare il fatto alla polizia giudiziaria.

Le forze dell’ordine, inoltre, potrebbero avere già un’indagine in corso, e l’ex ministro l’avrebbe in questo modo intralciata rendendola pubblica, permettendo eventualmente al ragazzo, qualora fosse realmente uno spacciatore, di inquinare qualsiasi prova e mandare a monte l’ipotetica indagine.

Spacciatore o meno, il ragazzo sicuramente è un minore.

In caso ci fosse un reato, il fatto che il giovane è minorenne potrebbe costituire un’aggravante. Così come il fatto che Salvini, in quanto senatore, è un pubblico ufficiale.

Ma facciamo un passo indietro. Nel momento in cui ha citofonato a uno sconosciuto, Salvini potrebbe aver violato la legge?

Citofonare a uno sconosciuto non è un reato, ma continuare a farlo dopo che la conversazione è terminata, cosa che Salvini ha fatto più d’una volta, può costituire un reato di molestie, anche se difficilmente si va in tribunale per un paio di colpi di citofono in più.

La posizione di Salvini sembra essere definita, ma il giovane ha annunciato che denuncerà la signora che lo ha indicato all’ex ministro.

La posizione della signora è simile a quella di Salvini: indicando pubblicamente il ragazzo e accusandolo di essere uno spacciatore, semplicemente rimanendo nell’ambito dei “sentito dire”, la donna potrebbe aver compiuto una diffamazione a mezzo stampa.

Il ragazzo è stato intervistato e ha negato di essere uno spacciatore. Tuttavia, il fratello che ha abitato nell’appartamento indicato ha ammesso di avere dei precedenti: questo cambia in qualche modo la situazione?

Assolutamente no, non cambia in alcun modo la situazione. Avere dei precedenti non vuol dire nulla e in ogni caso non cambia la sostanza della situazione, che siano fondate o meno le accuse mosse verso chi vive in quell’appartamento: con questo gesto Salvini ha fatto avvenire in pubblico un fatto che sarebbe dovuto avvenire in procura.

Leggi anche:

Bologna, Salvini citofona a casa di un tunisino: “Lei spaccia?”

Salvini citofono, la spiegazione del leghista: “In prima linea per aiutare una mamma”

Salvini citofono, il leghista vada a caccia di spacciatori senza telecamere e senza scorta (di Lara Tomasetta)

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno (di Luca Telese)

14k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.