Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Caro Renzi, non mettere in bocca ai morti di Bergamo la tua propaganda politica

 

 

Caro Renzi, non mettere in bocca ai morti di Bergamo la tua propaganda politica

Caro Renzi, non usi i morti di Bergamo per parlare di ripartenza. Non ora e soprattutto non lei. Che evidentemente come molti dei suoi colleghi non ha capito nulla di quello che è successo qui. E non è solo una questione di dignità ma è soprattutto una questione di coerenza. E di rispetto. Proprio lei, che nel 2014 inaugurava la Brebemi, quella nuova autostrada che, insieme alla A4, permette ogni giorno a migliaia di lavoratori di spostarsi. Brescia, Bergamo, Milano. Avanti e indietro. Ogni giorno. Più agevolmente. Perché l’importante è produrre. E spostarsi. Indietro e avanti.

Milano, Bergamo, Brescia. Non a caso i tre poli per eccellenza dell’industria italiana, dove il Coronavirus ha fatto una vera e propria strage. Lei, che da primo ministro nel 2015 è stato in Val Seriana, proprio a Nembro, ospite della Persico Spa in occasione dell’assemblea di Confindustria. Lei la Val Seriana l’ha conosciuta. Ha visto che noi qui non ci fermiamo mai. Sa benissimo che andiamo a lavorare anche con qualche linea di febbre e stiamo spesso in silenzio davanti al padrone, perché così ci hanno insegnato.

Caro Renzi, se lo ricorda quel gruppo di lavoratori in protesta a Nembro? Ecco. Oggi i bergamaschi sono quei lavoratori. Gli emarginati, i soggetti più deboli che hanno pagato il prezzo più caro. E perché? Perché qui non ci siamo mai fermati. Perché non chiudere gli ospedali e i focolai per evidenti motivi economici ha fatto sì che il contagio arrivasse ovunque. Anche nell’ultimo paesino sperduto sulle Orobie. Dove oggi si continua a morire. E così, oltre ad un sistema sanitario che ha fatto acqua da tutte le parti, oltre ad una gestione regionale fallimentare, oggi ci tocca pure sentire che voi onorate i nostri morti chiedendo di ripartire.

No, caro Renzi: quelle persone oggi ci direbbero di fermarci. Di tutelare la salute di tutti. Qui, dove la maggior parte delle persone non sa ancora se è malata o no. E ha lavorato. E sta lavorando tornando a casa con la paura di contagiare i propri cari. Qui, dove la gente è morta per la mancanza di ossigeno. Qui, dove oggi un uomo si è suicidato perché non ha retto la pressione psicologica di essere potenzialmente infetto.

E sono proprio quei sacrifici e quella fatica che lei cita che oggi andrebbero onorati e che dovrebbero farvi riflettere. Voi politici tutti. Voi che dovreste essere in grado di metterci in condizioni di ripartire in sicurezza. Non di essere carne al macello come siamo già stati. L’ha detto lei: la vita dei bergamaschi è fatta di fatica e di sacrifici. E continuerà ad esserlo. Ma ora ci dovete rispetto. Tacendo. Che è l’unica cosa che per noi varrebbe davvero. Il vostro silenzio.

 

 

Leggi anche: 1. Renzi a Conte: “I morti di Bergamo ci direbbero ripartite anche per noi” / 2. Coronavirus, Conte a una giornalista di TPI: “Se avrà responsabilità di governo, scriverà lei decreti migliori” / 3. No Conte, i giornalisti fanno domande, criticano e controllano, non devono “scrivere decreti meglio dei suoi” (di F. Nava)

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

L’inchiesta di TPI sulla mancata chiusura della Val Seriana per punti:

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)