Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

“Il fallimento della politica sanitaria lombarda. Vi racconto cosa è successo quel 23 febbraio ad Alzano”: lettera di un operatore sanitario di una struttura Covid a Bergamo

Immagine di copertina
Medici in trincea Credits: Ansa

“Chi scrive vive e lavora a Bergamo in una struttura Covid-19”. Questa è la lettera inviata a TPI da B.T., operatore tecnico dell’area Covid a Bergamo.

“Era il 23 Febbraio quando vengo a conoscenza dell’avvenuta chiusura del PS di Alzano Lombardo per il riscontro di 2 casi di positività al virus. Una paziente di mia moglie aveva transitato per quel PS il giorno precedente e temendo un contagio contatta l ‘Ospedale ricevendo comunicazione dell’avvenuta riapertura del presidio di pronto soccorso d’ autorità da parte dell ATS Bergamo EST. Come riporta la stampa nessuna sanificazione e nessuna separazione dei percorsi. Codogno il giorno 21 aveva diagnosticato il primo paziente italiano positivo, e il SINDACO dispone “per il pomeriggio di oggi e per la giornata di domani la chiusura delle scuole e, “almeno fino a domenica”, di tutti “gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di pubblico intrattenimento ed i luoghi di ritrovo ed assembramento del pubblico. Alzano nulla. Nessun tampone nell’ospedale, nessun tracciamento di parenti e pazienti. Nessun tampone ai ricoverati. La grave mancanza messa in atto da chi ha il gravoso compito di TUTELARE la Salute Pubblica fallisce in maniera, a mio parere, decisiva nel contrastare la diffusione del virus.

Quello che ne consegue è la naturale evoluzione di quella scelta. Il numero dei malati che aumenta fino a diventare ingestibile. I numeri dei decessi diventa talmente imbarazzante che nemmeno tutti vengono accreditati al Covid 19. Le strutture territoriali diventano impossibilitate a trattare la cremazione di simili volumi e sono costretti ad intervenire i mezzi militari per esportare le salme fuori Regione. Lo sforzo sanitario messo in campo è stato estremo e improvvisamente diventiamo tutti Eroi in trincea a combattere un nemico invisibile e sconosciuto, quando, forse il nostro vero nemico siede sulle poltrone che governano questa crisi. Ci chiediamo chi ha avvallato l’iniziale silenzio? Quali interessi sono stati tutelati? Queste domande iniziano a trovare risposte grazie al Vostro impegno nella ricostruzione dei fatti”.

L’inchiesta di TPI sulla mancata chiusura della Val Seriana per punti:

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Opinioni / Patrick Zaki: la vergogna per il tuo 30esimo compleanno in cella non ha un luogo per nascondersi
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)