Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Dopo l’accordo sul Tav i “fichiani” pronti a spaccare il M5s: “Alleiamoci con il Pd”

Immagine di copertina

Da un lato Matteo Salvini, che dopo l’accordo sul Tav rilancia: “Nulla metterà in discussione il governo con il M5s, governeremo 5 anni”.

Dall’altra Luigi Di Maio e la sua squadra, che “festeggia” l’intesa raggiunta sulla grande opera.

“Sulla Tav la situazione si sta risolvendo positivamente. Quindi ora parliamo di altro e andiamo avanti”, il commento su Facebook del capo politico del Movimento 5 stelle: “Andiamo avanti con altre opere, con Quota 100, con investimenti produttivi per le imprese, con il Reddito di Cittadinanza e con tutto ciò di cui il Paese ha bisogno, ora. Ce lo chiedono gli italiani”.

In prima fila c’è Laura Castelli, sottosegretaria al Ministero dell’Economia e delle Finanze: “Abbiamo ottenuto il rinvio dei bandi per il Tav che partiranno tra 6 mesi solo se Italia Francia raggiungeranno un accordo serio. Tutto questo senza nessun costo per lo Stato e senza toccare i soldi degli italiani. Questo governo prosegue forte del rispetto del suo contratto fondatore per realizzare le cose che servono all’Italia”.

Il problema, però, per Di Maio ora è tutto interno. Roberto Fico è pronto a schierare i suoi e ad aprire lo scontro.

“Molliamo la Lega e alleiamoci con il Pd”. Questo il messaggio che arriva da una delle dissidenti del Movimento, Paola Nugnes, che avverte: “Se si va al voto così siamo finiti. Vince la destra identitaria”.

Politiche? Non necessariamente. A preoccupare sono le prossime elezioni europee. Da qui il “consiglio” a Di Maio: “Faccia valere la sua maggioranza e cerchi nuove alleanze”.

“Dopo il 4 marzo non ero, come si crede, una fan di un’alleanza con i dem, ma con il senno di poi mi rendo conto che su alcuni temi importanti, come i diritti, avremmo avuto meno problemi, senza sottovalutare quelli che pure avremmo sofferto” spiega la senatrice dissidente in un’intervista al Quotidiano Nazionale.

Il motivo è chiaro: il 33 per cento conquistato dal 4 marzo, secondo i “fichiani”, arriva soprattutto dalla sinistra e dal Sud. “Abbiamo ricevuto un preciso mandato elettorale”, spiega Nugnes.

Per questo la strada “corretta”, soprattutto per evitare di continuare a restare schiacciati dal peso del Carroccio, è di “cambiare colore alla maggiorana” per “sovvertire il calo dei consensi”.

Perché le elezioni europee, per il Movimento 5 stelle, saranno drammatiche. Sono i numeri a dirlo.

Ma ancor peggio sarebbe “andare al voto anticipato dopo il voto di maggio. Per il Movimento sarebbe la fine”.

“Lo capisco” spiega Nugnes. “Mi sento anch’io come l’elettore medio: non mi riconosco più nel Movimento. Del resto, avendo seguito la Lega dal decreto immigrazione e sicurezza al caso Diciotti, dalla legittima difesa fino al dossier Autonomie, non c’è da stupirsi”.

Se si andasse al voto, “consegneremmo il Paese alla destra identitaria che è ben altra cosa dalla destra liberale. Senza contare che, vedendo come sono andate le ultime Regionali, daremmo anche un aiuto al Pd a risalire”.

Ma anche dire ok ai bandi e poi revocarli con la clausola di dissolvenza, come è stato deciso, “mi pare azzardato. E poi come la mettiamo con il Piemonte? Lì consiglieri e parlamentari sono giustamente infuriati”.

Altra ipotesi: far decidere il Parlamento: “Eh, no. Qui mi arrabbio. Abbiamo messo il Parlamento solo a ratificare per mesi e poi il governo vuole delegargli una decisione di sua competenza?”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI