Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Tav, Di Maio e Salvini trovano il compromesso: bandi con “clausole di dissolvenza”

Immagine di copertina

Bandi Tav con clausole di dissolvenza. È questo il compromesso  trovato da Matteo Salvini e Luigi Di Maio per continuare a governare insieme e non rompere sull’alta velocità Torino-Lione.

La lettera alla Telt è già stata inviata e autorizza così all’approvazione degli avvisi per i 2,3 miliardi di euro di lavori nel tunnel Tav.

>>> Ecco la lettera inviata dal governo alla società che deve costruire il Tav

La “clausola di dissolvenza” apre quindi alla procedura di revisione del trattato italo-francese, senza però stoppare l’opera: così Roma chiederà a Parigi, e a Bruxelles, di rivedere il Trattato.

ANALISI TPI – Il weekend che potrebbe segnare la fine del governo (o del M5s)

Con la “clausola di dissolvenza” Di Maio ottiene il suo obiettivo: non impegnare al momento nessun “euro pubblico”.

Per prendere tempo, quindi, e arrivare almeno alle elezioni europee, il governo ha scelto di appellarsi al diritto privato francese, evitando così contenziosi.

Le clausole di dissolvenza permettono infatti da un lato di pubblicare i bandi di gara ma, dall’altro, di poterli revocare in qualsiasi momento.

>>> Tav, gli industriali querelano Di Battista per l’intervista da Fazio

Dai bandi di gara veri e propri, quindi, si passa alle manifestazioni di interesse. Nessuna soluzione definitiva quindi.

Resta però da capire se l’ipotesi sarà di gradimento dell’area “fichiana” del Movimento 5 stelle che continua a chiedere uno stop, senza se e senza ma, alla grande opera, ritenuta “inutile, costosa e distruttiva per la Valsusa”.

“Il dibattito di adesso è sul nulla. I bandi non impegnano niente e nessuno”, ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini rispondendo a chi gli chiedeva se il vero scoglio per la Tav sarà fra sei mesi visto che adesso è in programma solo il “casting” delle aziende interessate.

“Io mi rifaccio al contratto di governo che prevede una revisione dell’opera. Non sta scritto da nessuna parte la cancellazione dell’opera”, ha aggiunto Salvini, a margine del compleanno che gli hanno organizzato gli Amici della Lirica.

Il prossimo passo, ora, sarà l’esame da parte del Cda di Telt della lettera inviata dal governo italiano.

Il cda di dopodomani prenderà atto di questo documento e “saranno poi prese delle decisioni”, spiegano fonti dell’azienda italo-francese all’Agi. L’unica cosa certa, al momento, è che i bandi di gara non partiranno lunedì.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI