Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Tav, gli industriali querelano Di Battista per l’intervista da Fazio

Immagine di copertina

Alessandro Di Battista querelato dagli industriali. La notizia, confermata direttamente a TPI da Confindustria Piemonte, era nell’aria.

Nel mirino dell’Unione industriale di Torino, di Ance Piemonte, di Confindustria e di altre realtà “produttive” del Nord-Ovest l’attacco portato avanti dall’esponente M5s durante l’intervista a Che tempo che fa, da Fabio Fazio.

Di Battista negli studi Rai ha parlato chiaramente di “tangenti da restituire” per la grande opera e di “infiltrazioni della criminalità organizzata”.

Era il 20 gennaio scorso e lo scontro sul Tav con la Lega era alle porte. Di Battista ha scelto la solita strada: sparigliare. Attaccare tutto e tutti. Ma stavolta l’attacco indiscriminato potrebbe costargli caro.

La querela depositata parla chiaramente di “offesa subita” in quanto si considerano “destinatarie dell’offesa” e ritengono “tali dichiarazioni gravemente lesive della loro reputazione”.

Per questo ora chiedono un intervento della magistratura “volto alla tutela della loro reputazione e al riconoscimento della valenza diffamatoria delle affermazioni di Di Battista”.

“Io non ho le prove”, disse Di Battista da Fazio, “ma ricordo quando due esponenti della ‘ndragheta furono intercettati e dissero ‘adesso ci tocca fondare un comitato Sì tav'”.

Pochi minuti dopo, rincarò la dose: “Il problema del Tav per qualcuno non è se si farà o meno. Il problema è che quel qualcuno si è già steccato qualche tangente e qualora l’opera dovesse essere bloccata sarà costretto a mettersi le mani in tasca”.

Nel mirino dell’esponente M5s le “consulenze”, il nuovo modo, a suo dire, di “chiamare le tangenti”.

“La corruzione oggi si chiama consulenza. Le bustarelle non sono più di moda”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI