Roma, il vento uccide: la quarta vittima è un 14enne, morto schiacciato dal padre

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 23 Feb. 2019 alle 19:27
0
Immagine di copertina

A Capena, in provincia di Roma, un ragazzo di 14 anni è morto schiacciato dal padre, caduto mentre stava riparando una tettoia danneggiata dal maltempo. Il genitore avrebbe perso l’equilibrio a causa di una forte raffica di vento.

Il 14enne è la quarta vittima causata dal maltempo in Lazio nella giornata di sabato 23 febbraio 2019 [qui tutte le notiziequi le foto e i video].

Il padre era salito su una scala per tentare di riparare la tettoia, quando è scivolato da un’altezza di circa 6 metri, travolgendo il figlio che gli reggeva la scala. Sul posto sono immediatamente giunti gli operatori del 118, che hanno tentato invano di rianimare il ragazzo.

L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio. Poche ore prima due persone avevano perso la vita ad Alvito, in provincia di Frosinone, in seguito al crollo di un muro provocato dal forte vento. Le macerie hanno travolto Guido Albassi, 71 anni di Veroli, Carlo Diana, 73 anni di Alvito, Vincenzo Diana, 77 anni di Alvito, e Franco Seppero, 70 anni di Veroli. Guido Albassi e Carlo Diana sono morti sul colpo.

In precedenza un uomo di 45 anni era morto a Guidonia, in provincia di Roma, sempre a causa del vento: un albero è caduto sull’auto guidata dall’uomo.

A Roma in diversi quartieri si è registrata la caduta di alberi, che in alcuni casi hanno completamente bloccato le strade. Il parco archeologico del Colosseo e i Fori imperiali, due delle principali attrazioni turistiche della capitale, sono state chiuse al pubblico a causa delle raffiche di vento.

La sindaca, Virginia Raggi, ha disposto per domenica 24 febbraio la chiusura di parchi, ville storiche e cimiteri di Roma Capitale. “L’obiettivo è di garantire la riapertura in sicurezza”, si legge in una nota del Campidoglio.

Ma il forte vento ha provocato gravi danni anche in Campania. A Napoli un albero è caduto e si è abbattuto su un’auto, a bordo della quale viaggiavano due persone, madre e figlio, feriti ma in modo non grave. Sul capoluogo partenopeo sono caduti anche alcuni fiocchi di neve.

A Ischia la motonave “Don Peppino”, che stava provando ad attraccare con grandi difficoltà a causa delle condizioni meteo, si è scontrata con la prua della motonave “Benito Buono” della Compagnia “Medmar”. Non si registrano feriti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.