Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il post del padre di Di Battista contro i “ministri” del M5S

Immagine di copertina
Vittorio Di Battista e Luigi Di Maio, capo politico M5S e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico

All'indomani della sconfitta alle regionali sarde, Vittorio Di Battista ha pubblicato su Facebook un messaggio dai toni polemici: nel mirino i vertici del movimento

Il padre del pentastellato Alessandro Di Battista ha scritto un post su Facebook molto critico contro i vertici del M5S. Il messaggio è stato pubblicato martedì 26 febbraio 2019, all’indomani della sconfitta dei Cinque Stelle alle elezioni regionali della Sardegna.

Vittorio Di Battista, non nuovo a uscite polemiche, descrive il momento attuale del movimento come una “via crucis” e fa intendere di essere pessimista in vista delle elezioni europee di maggio [LEGGI ANCHE: L’ironia di Di Battista senior sui 5 Stelle: “In soli sei mesi, abbiamo rivoltato il paese. Chiusa l’Ilva, bloccata la Tap”].

“La ‘via crucis’ continua”, scrive. “Dopo la ‘stazione’ d’Abruzzo, quella sarda a cui seguiranno, il prossimo 24 marzo quella di Basilicata e, il 23 maggio, quella europea”.

Il padre di Di Battista attacca poi velatamente i “compromessi” raggiunti “su divani e divanetti” che permettono “di fare il ministro o il sottosegretario”.

“I patti vanno rispettati, dicevano gli antichi e gli antichi erano persone serie e capaci. Anche noi, voi, dobbiamo e dovete mantenere i patti. Quelli sottoscritti con il Popolo, in piazza, alla luce del sole. Quelli siglati in qualche ufficio, seduti su divani e divanetti di broccato, quelli che in cambio ti ‘concedono’ di fare il ministro o il sotto segretario, non sono patti, sono compromessi”, si legge nel post.

“La guerra è bella ma è scomoda”, conclude Di Battista senior citando una frase del giornalista Paolo Monelli.

Il post, intitolato “Pacta sunt servanda” (che in latino significa “i patti vanno rispettati”) ha ricevuto molti commenti da sostenitori del M5S, alcuni dei quali hanno a loro volta espresso le loro preoccupazioni per le sorti del movimento.

Nel frattempo il capo politico dei Cinque Stelle, Luigi Di Maio, ha annunciato una serie di novità in termini di riorganizzazione interna: ne abbiamo parlato qui.

LEGGI ANCHE: Voto Sardegna, retroscena di TPI. Whatsapp di Casalino ai suoi: “Il nostro candidato è inesistente”

LEGGI ANCHE: Non lo confesseranno mai, ma i grillini sono terrorizzati dopo la sconfitta in Sardegna

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI