Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il M5s ora pensa di espellere chi voterà sì al processo a Salvini. Fraccaro: “Si valuterà”

Immagine di copertina

L'ipotesi viene dal ministro per i Rapporti col Parlamento Riccardo Fraccaro

E se qualche parlamentare del Movimento Cinque Stelle disattendesse la decisione della base e votasse sì al processo a Salvini?

Come in numerosi altri casi che si sono verificati in passato, rischierebbe l’espulsione. Parola di Riccardo Fraccaro, ministro per i Rapporti con il Parlamento, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

La decisione sull’espulsione, spiega, “sarà presa eventualmente dagli organi preposti. Io faccio parte del collegio dei probiviri per cui non mi posso esprimere al riguardo. Certo, credo che i nostri parlamentari debbano rispettare la base”.

Leggi anche: Voto su Salvini, Travaglio: “Dalle stelle alle stalle. Il vero M5s non esiste più”

Fraccaro apre quindi all’ipotesi delle epurazioni in caso di dissenso dalla linea passata sulla piattaforma Rousseau, dove il 59 per cento degli iscritti ha ritenuto che Salvini abbia agito a tutela di un interesse pubblico, e che quindi non debba essere processato.

Fraccaro, nell’intervista, ha spiegato che “Salvini ha applicato sui migranti la linea condivisa da tutto il governo”.

“Il ruolo del Parlamento è corroborato dagli attivisti e non sminuito – ha aggiunto – Non sono decisioni che vengono prese dall’alto, come negli altri partiti, ma dal basso. E questo può soltanto aiutare i portavoce”.

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento ha anche lanciato una stoccata alla senatrice dissidente Elena Fattori, che ha criticato le modalità della votazione sulla piattaforma Rousseau.

“La senatrice Fattori ha una vena polemica legittima ma quotidiana – dice Fraccaro – Non è vero che questo era un voto sulla tenuta del governo ma sulla legittimità di una decisione assunta collegialmente. Rousseau migliora di anno in anno nonostante gli hacker”.

Leggi anche: Caso Diciotti: la senatrice Fattori (M5S): “Salvini rinunci all’immunità e si faccia processare”

Qui il commento di Giulio Cavalli sulla vicenda: Salvini è salvo, ma il M5s non esiste più: ormai è peggio della Democrazia Cristiana

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI