Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Caso Diciotti: la senatrice Fattori (M5S): “Salvini rinunci all’immunità e si faccia processare”

Immagine di copertina
La senatrice del M5s, Elena Fattori. Credit: ANSA/ANGELO CARCONI

La parlamentare Cinque Stelle dissidente parla a TPI della richiesta di autorizzazione a procedere contro il ministro dell'Interno

“Se fosse coerente, Salvini rinuncerebbe all’immunità parlamentare e si farebbe processare”. A parlare a TPI è la senatrice Elena Fattori, del Movimento Cinque Stelle.

Dopo la richiesta di rinvio a giudizio da parte del Tribunale dei ministri, il ministro dell’Interno Salvini rischia effettivamente di finire alla sbarra per il caso della nave Diciotti: le accuse sono sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio.

Prima di arrivare davanti al giudice, però, ci sarà il vaglio del Senato, che dovrà esprimersi sull’autorizzazione a procedere. Se Palazzo Madama voterà a favore, il ministro andrà a processo, in caso contrario il procedimento di fermerà [cosa rischia penalmente Salvini].

La senatrice Fattori fa parte dell’ala dissidente del M5S: su di lei pende un procedimento disciplinare per presunta violazione del Codice etico. Anche il suo voto potrebbe essere decisivo per le sorti di Salvini [qui abbiamo spiegato perché il voto dei Cinque Stelle sarà fondamentale].

Senatrice, voterà a favore o contro la richiesta di procedere contro Salvini?

Non lo so. Ma mi aspetto che Salvini, avendo detto di essere pronto all’ergastolo, rinunci all’immunità.

Davvero crede che il ministro rinuncerà all’immunità?

Perché no? Lo aveva detto, sarebbe coerente.

Si sarà fatta un’idea, però, su come esprimersi nel caso in cui si arrivi al voto dell’aula…

Vedrò come si comporterà il ministro e poi deciderò. E comunque ricordo che prima l’atto deve passare per la giunta per le autorizzazioni a procedere, di cui io non faccio parte.

Al Senato la maggioranza ha numeri risicati. Si aspetta che Forza Italia e Fratelli d’Italia vadano in soccorso a Salvini?

Immagino di sì, mi sembra scontato. Anche in passato il centrodestra, in questi casi, ha sempre assolto tutti.

Il M5S è storicamente schierato contro i privilegi dei politici anche in tema di Giustizia. Ora che siete al Governo, però, questa posizione potrebbe crearvi un grande problema con il vostro alleato.

Noi siamo sempre stati contrari sia all’immunità sia all’insindacabilità. Anche se io personalmente la ritengo una posizione estrema, perché nel ricoprire certe cariche politiche può capitare di essere citati in giudizio.

Per coerenza abbiamo quasi sempre votato per l’autorizzazione a procedere, ma non sono mancate eccezioni in passato (nella passata legislatura si ricordano i casi dei senatori Taverna e Giarrusso, ndr).

Dopo la decisione del Tribunale dei ministri, che aria si respira nel movimento?

Oggi non lo so, non c’erano lavori in aula e non ho sentito nessuno.

Quanto al suo procedimento disciplinare, ci sono novità?

Nessuna novità. A tutt’oggi non ho ancora avuto notizie ufficiali circa questa procedura disciplinare. Come ho già detto l’ho appreso dal blog delle Stelle e dai media.

Sempre convinta di restare nel gruppo M5S o ha valutato di uscire volontariamente?

Resto nel movimento, assolutamente. Anzi, in caso di espulsione, sono già pronta al ricorso.

LEGGI ANCHE: La ribelle M5S Elena Fattori a TPI: “Il Movimento si sta spostando verso destra, e anche i suoi elettori”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI