Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Massimo Gramellini: “Banfi all’Unesco? La colpa è degli intellettuali, inutile indignarsi”

Immagine di copertina
Massimo Gramellini e Lino Banfi

L'editorialista del Corriere della Sera dà la sua lettura della vicenda Banfi

“Se è da conformisti arricciare il naso per la nomina di un artista popolare come Banfi nella commissione Unesco, lo è altrettanto continuare a rappresentare la cultura come qualcosa di triste”.

È la posizione in controtendenza espressa da Massimo Gramellini mercoledì 23 gennaio nel suo Caffè.

L’editorialista del Corriere della Sera è intervenuto sulla vicenda della nomina di Lino Banfi come rappresentante nella commissione italiana per l’Unesco.

“L’Oronzo Canà di L’allenatore nel pallone – scrive Gramellini – ha detto: ‘In mezzo a tanti plurilaureati porterò un sorriso’ ed è esattamente ciò che pensano milioni di italiani. Che una mente addestrata sia una mente noiosa. E che l’ignoranza sia il prerequisito della simpatia”.

Leggi anche: Cosa andrà a fare concretamente Lino Banfi all’Unesco

Per l’editorialista del Corriere “in Italia la cultura è sempre stata una faccenda circoscritta alle corti dei principi, chiusa nei suoi linguaggi criptici e grondante disprezzo verso gli esclusi”.

Non c’è quindi da meravigliarsi se gli italiani non si scandalizzino la scelta di Banfi all’Unesco. La colpa, per Gramellini, è di chi ha reso la cultura qualcosa di distante dalla gente comune, di esclusivo, qualcosa da vivere come una fatica e a cui contrapporre un atteggiamento scanzonato, proprio quello ben rappresentato da Lino Banfi.

Ovviamente a Gramellini questo stato di cose non piace: “Molti pensano che non leggere Proust rappresenti già un buon punto di partenza per un’esistenza felice. Non è così, anzi è vero il contrario, e per rendersene conto basterebbe avere letto Proust (senza dimenticare Canà)”.

Per il giornalista, insomma, bisogna riavvicinare le persone alla cultura, cambiare il modo in cui la cultura stessa viene percepita in Italia. Fino ad allora, è inutile indignarsi per la nomina di Lino Banfi all’Unesco.

Leggi anche: Lino Banfi all’Unesco è la conferma che in Italia il merito non conta niente

Leggi anche: Lino Banfi all’Unesco, le reazioni ironiche sui social. Salvini: “E Jerry Calà?”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI