Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il bando del velo integrale islamico in Belgio non viola i diritti umani

Immagine di copertina
Credit: Reuters

La Corte europea dei diritti dell'uomo si è pronunciata sulla legittimità della legge belga che vieta alle donne di coprirsi completamente il volto in pubblico

Martedì 11 luglio la Corte europea dei diritti dell’uomo ha deciso che la legge approvata in Belgio l’1 giugno 2011 sul divieto di indossare vesti che coprano parzialmente o totalmente il volto non viola la Convenzione europea sui diritti umani.

Il caso era stato portato davanti a un tribunale belga dopo che due ragazze Samia Belcacemi – di nazionalità belga e residente a Schaerbeek – e Yamina Oussar – una cittadina marocchina di Liegi – erano state multate per aver indossato in pubblico il niqab, il velo islamico che copre l’intero volto e lascia solo gli occhi scoperti. Successivamente il caso è finito alla corte di Strasburgo.

– LEGGI ANCHEDall’hijab al burqa, quali sono tutti i tipi di veli islamici

Le due ragazze si erano appellate al diritto di indossare liberamente ciò che volevano, definendo il velo una parte fondamentale della propria identità religiosa islamica e bollando il bando belga come discriminatorio.

I giudici europei hanno stabilito che la restrizione normativa è riuscita a bilanciare l’esigenza di garantire le condizioni di convivenza civile con la tutela dei diritti e delle libertà individuali necessarie in una società democratica.

“Il Belgio ha cercato di rispondere a una pratica che riteneva incompatibile con la comunicazione sociale e la creazione di relazioni umane, indispensabili per la vita della società”, si può leggere nel comunicato emesso dalla Corte. Queste interazioni sono essenziali per il funzionamento di una società democratica sia per il legislatore belga che per la Corte di Strasburgo.

La decisione è stata presa da un collegio formato da 7 giudici, con 5 voti a favore e due contrari, quello del presidente islandese del collegio e del giudice turco.

– LEGGI ANCHEQuali paesi europei hanno vietato il velo islamico

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano