Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Italiani a Londra disperati: “Abbandonati, senza la possibilità di fare il tampone”

Immagine di copertina
Bloccati in aeroporto Credits: ANSA

"Ora la Farnesina ha previsto i voli di rientro da Londra, ma la logistica è impossibile: non si trovano tamponi": parlano le persone bloccate nel Regno Unito a causa della nuova variante Covid

“L’ordinanza per rientrare c’è, ma viviamo nell’incertezza. Sostanzialmente per i tamponi ci hanno detto:  arrangiatevi!”, denuncia Elisa Cervetti, una tra gli oltre 15mila italiani rimasti in Inghilterra dopo il blocco dei voli da Londra e dagli altri aeroporti britannici a causa del nuovo ceppo del Covid-19 che si sta diffondendo.

Dopo l’accordo raggiunto alla Farnesina con i ministeri di Trasporti e Salute, il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha firmato l’ordinanza per il rientro. Secondo il piano, potranno rientrare sia i cittadini residenti in Italia che sono rimasti bloccati in Gran Bretagna, sia le persone che, anche se non residenti in Italia, che sono in condizioni di criticità e urgenza. È previsto il tampone prima della partenza e all’arrivo, e la quarantena obbligatoria di 14 giorni all’arrivo. Ma, come riportano a TPI diversi cittadini italiani, le procedure non stanno funzionando.

La storia di Elisa

Elisa si trova per caso a Londra, il posto sbagliato al momento sbagliato. Era atterrata lì solo per fare scalo da Oslo. Mai poteva immaginare di finire nel bel mezzo dell’ondata del nuovo ceppo inglese del Sars-Cov 2. Fortunatamente ha amici che possono ospitarla, ma ricorda: “È tutto a spese nostre, il vitto, l’alloggio, i tamponi. Siamo stati letteralmente abbandonati qui”. 

“L’ordinanza di ieri – spiega – seppur costituendo un miglioramento rispetto alla situazione precedente, ha creato ulteriori situazioni di caos e una logistica impossibile. C’è un’oggettiva difficoltà a fare il tampone prima della partenza nei giorni di natale. Per esempio, io pur avendo un volo Ryanair prenotato per il 26 non sono sicura se partirà e ancora non sono riuscita a trovare un posto dove fare il tampone”. 

Erano arrivate centinaia di telefonate e richieste ai consolati dalle persone rimaste bloccate da domenica 20 dicembre quando l’Italia e altri paesi hanno chiuso i collegamenti con il Regno Unito per il timore della diffusione della variante inglese del Covid che è però già nel nostro paese. “Soprattutto non ci sono informazioni sufficienti per capire se gli aeroporti di arrivo in Italia sono attrezzati per i tamponi. E, nel caso non li facciano, se i voli viaggiano lo stesso. Tutto è sulle nostre spalle”, dice indignata Elisa.

Solo Alitalia ha cancellato o rinviato le prenotazioni di circa 1100 passeggeri fra il 20 e il 31 dicembre. Calcolando anche le altre compagnie, il numero arriva a più di 15mila persone, molte delle quali non hanno un posto dove passare il periodo festivo.

La storia di Josephine

Fra le persone bloccate c’è anche Josephine Yousseif, italo-egiziana che era andata a Londra per riportare a casa i suoi tre figli, di cui uno epilettico e un altro in sedia a rotelle. I tre bambini vivono a Londra con l’ex marito e Josephine Yousseif li stava riportando a Milano per passare il Natale insieme. “Mi appello al presidente della Repubblica. Sono bloccata qui da tre giorni con i miei tre figli, ci aiuti…Non vogliamo fare polemiche ma chiedo una soluzione anche per noi italiani come è accaduto agli spagnoli che lunedì sono riusciti ad organizzare dei voli per rientrare”, dice a TPI.

Intanto, è stato riaperto al traffico anche il porto britannico di Dover in seguito all’accordo trovato tra Regno Unito e Francia. Ci vorranno molte ore però perché si muovano le centinaia di camion e tir in attesa. Il porto è accessibile solo “per i clienti che sono risultati negativi al test Covid”.

Giorni di rabbia, paura di ammalarsi e sconforto, ma nessuna risposta nonostante la nuova ordinanza della Farnesina. Londra è nel panico e gli italiani come Elisa e Josephine, che non riescono a tornare a casa, ancora di più.

Leggi anche:  1. Regno Unito. Johnson: “Circola più rapidamente”. Londra in lockdown totale /2. Covid, il nuovo ceppo ha raggiunto l’Olanda: sospesi tutti i voli col Regno Unito /3. Covid, isolato in Italia primo caso della nuova variante inglese

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"
Esteri / Jeff Bezos ringrazia i dipendenti e i clienti Amazon: “Avete pagato il mio volo nello spazio”