Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Siria, lo spray diventa un lanciafiamme e la teiera versa sangue: così i curdi boicottano i prodotti turchi

La campagna lanciata dall'amministrazione autonoma curda nel nord-est del paese

Di Benedetta Argentieri
Pubblicato il 14 Nov. 2019 alle 14:13 Aggiornato il 18 Nov. 2019 alle 13:33
120
Immagine di copertina
Credit: Benedetta Argentieri

Siria, la campagna dei curdi per boicottare i prodotti made in Turchia

Lo spray disinfettante che diventa un lanciafiamme. Una bibita energetica che si trasforma in una pallottola. E ancora la teiera che versa sangue. Dietro tutti i prodotti turchi, molto usati nel nord est della Siria, che sono stati presi di mira per una campagna di boicottaggio. Oltre alla guerra sul terreno, e quella mediatica, è cominciata una sensibilizzazione per colpire dove storicamente fa più male: l’economia. Una pratica molto utilizzata in altri paesi che è arrivata anche qui.

Negli ultimi giorni i cartelloni con queste pubblicità, in alcuni casi davvero forti, sono stati montati nelle città principali del nord est della Siria. Inoltre appelli nelle televisioni locali invitano la popolazione a cambiare le abitudini e fare degli acquisti più consapevoli.

La maggior parte dei prodotti consumati quotidianamente nel nord est della Siria arriva, appunto, dalla Turchia. Ed è per questo che l’amministrazione autonoma ha cominciato questa campagna. Il problema è come sostituire questa merce, e si pensa di importare dall’Iran o l’Iraq.

In altri paesi il boicottaggio è cominciato fin dai primi giorni dell’incursione turca, il 9 ottobre scorso. Il titolo della Turkish Airline, che è in parte controllata dal governo, ha perso il 25% in Borsa. In tre settimane, attivisti in Europa e negli Stati Uniti hanno bloccato 33 voli della compagnia aerea.

Leggi anche:

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria

La guerra della Turchia contro i curdi in Siria: tutta la storia in versione breve, media e lunga

Siria: diario dal Rojava, Erdogan bombarda da un mese. E la comunità internazionale non lo ferma

Siria: diario dal Rojava, 8 novembre | Kobane sa che la guerra non è ancora finita

Siria: diario dal Rojava,  7 novembre | L’Isis è tornato. O meglio: non è mai scomparso

Siria: diario dal Rojava, 4 novembre | “Un drone dei turchi ha ucciso un operatore umanitario”

Siria: diario dal Rojava, 1 novembre | “Anche noi cristiani scappiamo dai turchi”

L’ascesa della Russia di Putin non passa solo dalla Siria

Altro che difendere i curdi, Putin vuole prendersi il Medio Oriente (di Giulio Gambino)

120
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.