Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Obama: “Violenza istigata da Trump. È una vergogna per gli Stati Uniti”

Di Luca Serafini
Pubblicato il 7 Gen. 2021 alle 07:33 Aggiornato il 7 Gen. 2021 alle 07:37
11k
Immagine di copertina
Barack Obama. Credit: Ansa

Barack Obama ha rilasciato un durissimo comunicato in cui condanna le violenze scoppiate a Washington, con l’assalto dei sostenitori pro Trump a Capitol Hill (qui la nostra diretta con gli aggiornamenti in tempo reale). Queste le parole dell’ex presidente Usa: “La storia ricorderà la violenza di oggi al Campidoglio, istigata da un presidente in carica che ha continuato a mentire senza fondamento sull’esito di un’elezione legittima, come un momento di grande disonore e vergogna per la nostra nazione. Ma ci staremmo prendendo in giro se la considerassimo una totale sorpresa”.

“Per due mesi un partito politico e il sistema mediatico che lo accompagnava non ha spesso voluto dire ai suoi seguaci la verità – che questa non era un’elezione particolarmente sul filo di lana e che ci sarà l’inaugurazione di Joe Biden il 20 gennaio”, prosegue Obama, “questa narrazione di fantasia si è allontanata sempre più dalla realtà ed è costruita sulla semina di anni di risentimento. Ora ne stiamo vedendo le conseguenze, avvolte in un violento crescendo”.

Obama ha anche lanciato un appello ai repubblicani: “Fate i primi passi per domare le fiamme e scegliete “l’America”.

Leggi anche: 1. Live, assalto manifestanti pro-Trump a Capitol Hill: 4 morti. La diretta con le ultime notizie / 2. La democrazia Usa cancellata per qualche ora, ma il vero sconfitto è Trump (di G. Gramaglia) / 3. Il giorno più buio dell’America (di Giulio Gambino)

4. Il golpe di Trump (di Luca Telese) / 5. Un anno fa 700 psichiatri scrivevano al Congresso: “L’instabilità mentale di Trump è un pericolo” / 6. Come il cospirazionismo può influenzare le elezioni Usa e perché il post voto può trasformarsi in un incubo

11k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.