Covid ultime 24h
casi +21.052
deceduti +662
tamponi +194.984
terapie intensive -50

Morte Floyd: accusati di “complicità” gli altri tre poliziotti. L’avvocato della famiglia: “Siamo profondamente gratificati”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 3 Giu. 2020 alle 22:33 Aggiornato il 3 Giu. 2020 alle 22:37
463
Immagine di copertina

Morte Floyd: accusati di “complicità” gli altri tre poliziotti. L’avvocato della famiglia: “Siamo profondamente gratificati”

Il procuratore generale del Minnesota ha incriminato i tre agenti di polizia di Minneapolis coinvolti nella morte del 46enne afroamericano George Floyd per “aiuto e complicità” in omicidio di secondo grado, cioè volontario. A riportarlo sono i media americani citando i documenti del tribunale. I tre poliziotti sono: Thomas Lane, J. Alexander Kueng e Tou Thao, già licenziati dopo lo scoppio del caso.

“Siamo profondamente gratificati dal fatto che il procuratore generale Ellison abbia preso un’azione decisa, arrestando e incriminando tutti gli agenti coinvolti nella morte di George Floyd, e abbia rafforzato a omicidio di secondo grado l’accusa contro Derek Chauvin”, ha dichiarato l’avvocato della famiglia Floyd, Benjamin Crump, che alla Cnn ha confermato l’incriminazione dei quattro agenti e l’aggravarsi della posizione di Chauvin, il poliziotto che lo ha soffocato premendogli il ginocchio sul collo, ora accusato di omicidio volontario.

Leggi anche: 1. Morte Floyd, Trump: “Ho fatto per i neri più di Lincoln”. Biden: “È solo un bianco razzista” /2.  “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa

3. George Floyd, l’autopsia indipendente smentisce quella delle autorità: “Morto per asfissia” / 4. Usa, quei poliziotti che si uniscono alle proteste: “Marciamo insieme” | VIDEO

5. “Papà ha cambiato il mondo”: il video che commuove della figlia di George Floyd /6. La figlia di 6 anni di George Floyd: “Mi manca il mio papà, giocava sempre con me. Da grande voglio diventare medico per aiutare gli altri”

463
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.