Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Hong Kong, oltre 60 arresti durante le celebrazioni per la festa nazionale cinese

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 1 Ott. 2020 alle 15:25
22
Immagine di copertina
Hong Kong, primo ottobre 2020. Credit: EPA / JEROME FAVRE

Hong Kong, manifestazione “illegale”: arrestate 60 persone

Almeno 60 persone sono state arrestate oggi in un quartiere dello shopping di Hong Kong con l’accusa di manifestazione “non autorizzata” durante le celebrazioni per la festa nazionale cinese. Lo ha reso noto la polizia. “Dopo che i ripetuti avvertimenti sono stati ignorati, la polizia sul posto ha arrestato almeno 60 persone, tra cui due consiglieri distrettuali, sospettati di partecipazione a un’assemblea non autorizzata e altri crimini relativi alla pubblica sicurezza correlati”, si legge nella nota diffusa tramite Facebook.

Le autorità della città avevano vietato una marcia indetta per oggi dal Civil Human Rights Front per il rilascio di dodici attivisti pro-democrazia che avevano tentato di raggiungere Taiwan via mare ed erano stati fermati dalle autorità con l’accusa di essere entrati illegalmente in acque cinesi.

“Questa manifestazione infrange la legge, disperdetevi o potremmo usare la forza” si legge sullo striscione tenuto in alto da un poliziotto durante l’intervento delle forze dell’ordine nel centro di Hong Kong. Oggi cade l’anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese e, per prevenire manifestazioni, sull’isola di Hong Kong, e a Causeway Bay, punto di partenza della marcia indetta e vietata, sono stati schierati migliaia di agenti, molti in assetto anti-sommossa. Gli arrestati per assemblea non autorizzata sono 46 uomini e 16 donne.

Questa mattina la governatrice di Hong Kong, Carrie Lam, ha dichiarato: “La stabilità è stata ripristinata nella società mentre la sicurezza nazionale è stata salvaguardata”, in merito alla nuova legge di sicurezza nazionale cinese entrata in vigore. Lam ha anche accusato alcuni governi stranieri di tenere “doppi standard” e di muovere accuse ingiustificate contro le autorità che attuano la nuova legge.

Il direttore di TPI Giulio Gambino ha intervistato ad Hong Kong Joshua Wong leader delle proteste anti Cina, intervista esclusiva

Leggi anche: 1. Hong Kong, Joshua Wong a TPI dopo l’arresto: “Rischio 6 anni di carcere ma non mi pento di nulla”; // 2. Hong Kong ordina ai propri funzionari di non parlare a diplomatici Usa; // 3. Hong Kong sotto shock: polizia scaraventa a terra una 12enne e la arresta | VIDEO; // 4. . “Io sono Joshua Wong: arrestato 8 volte, bloccato nel mio paese e perseguitato dalla Cina. Vi spiego la mia lotta per Hong Kong” // 5. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong

22
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.