Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Dall’11 settembre 2001 a oggi gli attacchi aerei degli Usa hanno ucciso almeno 22.000 civili”: il report

Immagine di copertina
credit: Ansa foto

L’intervento militare in Afghanistan è stato un tassello fondamentale della “guerra al terrore” che ha definito la strategia di Washington in relazione al Medio Oriente a al Nord Africa a partire dagli attentati terroristici dell’11 settembre 2001. Con il ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan, sembra che l’orientamento del presidente Usa Joe Biden sia quello di una conclusione della cosiddetta “guerra permanente”.

In vista del 20° anniversario delle atrocità terroristiche dell’11 settembre e del successivo lancio della Guerra al Terrore, l’organizzazione Airwars (società no-profit con sede a Londra che traccia e archivia la guerra aerea internazionale contro lo Stato islamico e altri gruppi in Iraq, Siria e Libia) ha cercato la risposta a una domanda importante: quanti civili sono rimasti uccisi durante gli attacchi statunitensi nelle cosiddette “guerre infinite”?.

Secondo il report stilato da Airwars, droni e attacchi aerei statunitensi hanno ucciso almeno 22.000 civili – con un margine fino a 48.000 – in periodo che va dagli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 a oggi. L’analisi è basata sull’affermazione dell’esercito americano di aver condotto quasi 100.000 attacchi aerei dal 2001. Comprendendo gli attacchi allo Stato islamico in Siria, i conflitti in Iraq e Afghanistan, nonché gli attacchi contro i gruppi militanti e terroristici in Yemen, Somalia, Pakistan e Libia, gli Stati Uniti hanno affermato di aver condotto almeno 91.340 attacchi in 20 anni, di cui 9.000 contro lo Stato Islamico, afferma il rapporto di Airwars.

Il divario tra 22mila e 48mila vittime riflette le molte incognite da considerare quando si tratta di danni civili in guerra. Le parti in causa spesso non verificano le conseguenze delle loro azioni militari. Spetta alle comunità locali, alla società civile e alle agenzie internazionali contare i danni. Molteplici fonti possono tuttavia suggerire numeri diversi di decessi, il che significa che le organizzazioni di monitoraggio come Airwars registreranno stime sia minime che massime.

 

Particolari picchi sono stati osservati durante l’invasione dell’Iraq nel 2003, quando gli Stati Uniti hanno dichiarato 18.695 attacchi. Anche la campagna contro il cosiddetto Stato Islamico ha visto un picco sostenuto, con più di 9.000 attacchi all’anno nel biennio 2015-2017. Secondo il report, l’anno più mortale negli ultimi due decenni per le vittime civili degli attacchi aerei statunitensi è stato appunto il 2003, quando è stato riferito che un minimo di 5.529 civili sono stati uccisi, quasi tutti durante l’invasione dell’Iraq di quell’anno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family