Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Covid, primo caso di ri-contagio negli Usa: 25enne si ammala due volte, la seconda è più grave

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Le due infezioni a sei settimane di distanza. I dubbi degli scienziati sull'immunità

Un 25enne del Nevada, negli Stati Uniti, è stato contagiato due volte dal nuovo Coronavirus. Lo scrive la rivista scientifica The Lancet che conferma con il suo studio il primo caso di ri-contagio di Covid negli Usa. La seconda volta in cui il giovane si è ammalato, l’infezione si è manifestata in forma più grave.

Le due rilevazioni di positività del paziente si sono verificate a sei settimane di distanza. La prima volta il 25enne era risultato positivo ad aprile. Aveva sofferto tutti i sintomi dell’infezione: mal di gola, tosse, diarrea, nausea. Le sue condizioni sono migliorate e il doppio tampone ha dato esito negativo. Alla fine di maggio, tuttavia, il giovane è tornato a sentirsi male, con sintomi più gravi. Dopo essere stato ricoverato per insufficienza respiratoria, è risultato di nuovo positivo.

Il ragazzo si è ripreso, ma il suo caso ha sollevato interrogativi nella comunità scientifica sull’effettiva capacità degli individui di sviluppare una immunità al Covid. Il 25enne non soffriva infatti di alcun disturbo, neanche a livello immunitario, che lo rendesse più vulnerabile al virus.

L’immunità al Covid-19

I casi di ri-contagio sono rari, al momento nel mondo ne sono stati documentati solo cinque, secondo quanto riporta il Guardian. Inoltre, ancora non si conosce come e perché questo avvenga. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie negli Usa attualmente sostengono che chi è guarito dal Covid-19  generalmente sembra essere immune per tre mesi, ma il caso appena documentato smentisce la tesi.

“Non sappiamo molto sull’immunità al Covid-19, ci sono stati diversi casi di ri-contagio”, ha dichiarato ieri Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, nel suo briefing sulla pandemia di Coronavirus. “La maggior parte delle persone infettate dal virus sviluppa una risposta immunitaria entro le prime settimane, ma non sappiamo quanto sia forte o duratura questa risposta immunitaria, o come differisca per persone diverse” ha aggiunto l’esperto.

Due giorni fa Twitter ha segnalato un “cinguettio” in cui il presidente statunitense Donald Trump, annunciava di essere diventato immune al Covid-19, perché il tweet violava le regole “sulla diffusione di informazioni fuorvianti e potenzialmente dannose relative al Covid-19”. Trump aveva scritto che i medici della Casa Bianca hanno dichiarato che “non può né trasmettere né ricevere” il virus.

Leggi anche: 1. Hong Kong, scoperta nuova strategia contro il Covid: “Più efficace del Remdesivir” / 2. Covid, Oms: “Immunità? Ci sono diversi casi di persone contagiate per la seconda volta” / 3. Usa, il virologo Fauci sulla positività di Donald Trump: “Evento alla Casa Bianca è stato super diffusore del Covid”

4. L’epidemiologo Le Foche: “I contagiati hanno carica virale bassa, epidemia domabile in primavera” / 5. Trump: “Sono immune al Covid e pronto a combattere”. E Twitter lo censura / 6. Coronavirus, chi non rispetta il distanziamento e non usa la mascherina ha ridotte capacità cognitive: lo studio

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo