Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Coronavirus, il Portogallo regolarizza i migranti: “Tutti devono potersi curare”

Il permesso di soggiorno è stato concesso a tutti i migranti che ne avessero già fatto richiesta

Di Anna Ditta
Pubblicato il 30 Mar. 2020 alle 10:06 Aggiornato il 30 Mar. 2020 alle 10:16
14k
Immagine di copertina
Assistenza ai migranti dopo uno sbarco in Spagna durante l'emergenza Coronavirus. Credit: EPA/Angel Medina G.

Coronavirus, il Portogallo regolarizza i migranti: “Tutti devono potersi curare”

Il governo del Portogallo ha approvato una sanatoria per i richiedenti asilo e per tutti gli stranieri senza permesso di soggiorno che abbiano chiesto di accedere ai servizi sanitari, per garantire loro di affrontare al meglio l’emergenza Coronavirus. L’esecutivo, guidato dal primo ministro socialista Antonio Costa, ha deciso di concedere il permesso di soggiorno a tutti i migranti che ne abbiano già fatto richiesta, almeno fino al primo luglio.

“Le persone non dovrebbero essere private del diritto alla sanità e ai servizi pubblici solo perché la loro domanda non è stata ancora elaborata”, ha detto Claudia Veloso, portavoce del ministero degli Interni. “I diritti dei migranti devono essere garantiti nell’emergenza Coronavirus”. I migranti potranno cercare un impiego e accedere a tutti i servizi pubblici come la sanità, l’affitto di una casa, o il conto in banca, come spiega il quotidiano El País. Per ottenere il permesso bisognerà solo dimostrare di aver già effettuato una richiesta.

Il Portogallo registra finora 119 morti e 5962 contagi da Coronavirus. Il paese conta anche la vittima più giovane dell’Unione europea. Si tratta di un 14enne originario di Ovar, morto ieri dopo esser stato ricoverato il giorno prima al Sao Sebastiao Hospital di Lisbona. Il ragazzo non aveva altre patologie gravi, ma – secondo il quotidiano locale Publico – “soffriva di una grave psoriasi”, una malattia che può indebolire il sistema immunitario. La morte dell’adolescente portoghese segue di qualche giorno quella avvenuta mercoledì, in un ospedale parigino, di un’altra ragazzina, la 16enne Julie. La ragazza francese, che non aveva altre patologie, è deceduta dopo una settimana di malessere in cui aveva sviluppato, secondo la madre, una lieve tosse.

Leggi anche: 1. L’unica cosa buona del Coronavirus è che (molti) paesi in guerra hanno deposto le armi /2. Il virus ha travolto le nostre certezze, ma la comunità può salvarci dalla tempesta: la lezione di Papa Francesco (di Marta Vigneri)

3. Una petizione per assegnare il Nobel per la Pace ai medici del mondo che combattono contro il Coronavirus /4. Israele, un paramedico ebreo e uno musulmano pregano insieme contro il Coronavirus

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

14k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.