Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché un “bordello clandestino” di sex doll a Parigi è diventato un caso

Immagine di copertina

Il Consiglio di Parigi dovrà esprimersi sul futuro di un'impresa in cui i clienti pagano 89 euro per trascorrere un’ora con una sex doll. Alcuni consiglieri ne chiedono la chiusura

Il Consiglio di Parigi, l’organo collegiale che cumula le funzioni di consiglio municipale e di consiglio generale per la città di Parigi, dovrà esprimersi sul futuro di un’impresa in cui i clienti pagano 89 euro per trascorrere un’ora con una sex doll.

Al centro della disputa è la possibile chiusura di un “bordello” per bambole del sesso, il cui futuro è messo in discussione da consiglieri comunisti dell’organo collegiale e da gruppi femministi che appunto chiedono la chiusura di “Xdolls”, questo il nome del locale.

Attualmente, l’attività è registrata come una sala da gioco, ma gli oppositori sostengono che sia a tutti gli effetti un bordello.

In Francia possedere o gestire un bordello è illegale.

Leggi anche: A Barcellona apre il primo bordello di sex dolls in Europa

Xdolls si trova in un appartamento dall’aspetto anonimo situato nella capitale francese ed è stato inaugurato a febbraio del 2018.

“I clienti sono principalmente uomini, anche se alcune coppie amano frequentarlo”, ha dichiarato a Le Parisien il proprietario Joachim Lousquy, che in precedenza gestiva negozi di sigarette elettroniche.

Xdolls ha tre stanze, ognuna contenente una bambola del sesso in silicone che misura circa 1 metro e 45 di altezza e vale diverse migliaia di euro.

I clienti effettuano la prenotazione e il pagamento online e l’indirizzo esatto viene tenuto segreto. “Neppure i vicini sono a conoscenza della natura degli affari”, dice Lousquy.

Nicolas Bonnet Oulaldj, un consigliere comunista, ha portato la questione davanti al Consiglio di Parigi che si incontrerà questa settimana per discuterne.

“Xdolls trasmette un’immagine degradante della donna”, si legge nelle Parisien.

Il proprietario del locale sostiene che le bambole sono giocattoli sessuali e che non li considera degradanti per le donne.

Lorraine Questiaux, avvocato e portavoce di un’associazione femminista parigina, afferma “che in Francia ogni anno ci sono 86mile donne violentate”.

“Xdolls non è un sexy shop, è un luogo in cui si generano soldi e dove si violenta una donna”, aggiunge la Questiaux, anche lei pro-chiusura del centro.

Leggi anche: In Germania ha aperto il primo bordello di sex dolls

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / G7, la Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / G7, la Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli
Esteri / La variante Delta spaventa il mondo. Contagiosità, efficacia dei vaccini: cosa sappiamo
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana