Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Attentato Nuova Zelanda, Trump condanna la strage: “Orribile massacro”

Immagine di copertina
Donald Trump è stato definito un "modello" nella guerra contro gli invasori dall'autore del massacro in Nuova Zelanda

Il presidente americano, Donald Trump, ha condannato “l’orribile massacro” avvenuto in Nuova Zelanda.

“Al popolo neozelandese va la mia simpatia. Gli Stati Uniti sono al fianco della Nuova Zelanda”, ha twittato il presidente americano, il cui approccio al mondo musulmano non potrebbe essere più lontano di quello di Wellington.

Fu proprio Donald Trump, infatti, a bandire l’arrivo di musulmani da diversi paesi negli Stati Uniti, tacciandoli sostanzialmente come terroristi.

Proprio nel manifesto di Brenton Tarrant, lo stragista, il presidente americano viene definito “simbolo della rinnovata identità bianca”.

Uno degli slogan scritti da Tarrant nel documento messo on line prima di mettere in atto il suo piano è: “Remove the invaders, retake Europe” (“Cacciare gli invasori, riprendere l’Europa”). Tarrant invita anche ad uccidere “i Ceo anti bianchi” perché “i traditori vanno distrutti”.

“Angela Merkel è la prima della lista. Pochi hanno fatto danni più di lei” si legge poi nel manifesto di Brenton Tarrant.

L’autore della strage indica in Erdogan e nel sindaco di Londra, il musulmano Sadiq Khan “i primi esponenti politici da eliminare”.

Il suo obiettivo è liberare l’Europa da tutti gli “invasori”: rom, africani, indiani, turchi, semiti. Tarrant scrive che la persona che lo ha influenzato di più è Candace Owens: un’attivista e commentatrice americana filo Trump.

Immediata la replica dell’esponente “filo-trumpiana”, che ha invitato gli organi di stampa a non “avvicinare il mio nome a quello dello stragista”.

>>> ESCLUSIVO TPI – Nella chat dei neofascisti la strage in Nuova Zelanda in diretta minuto per minuto: “È iniziata la rivoluzione ariana.

>>> ESCLUSIVO TPI – Nella chat “privata” dei fascisti l’annuncio della strage in Nuova Zelanda 23 minuti prima dell’attentato: e nessuno ha fatto niente.

>>> L’attacco alle moschee in Nuova Zelanda in diretta video su Facebook

>>> “Sono un fascista”: l’auto-intervista del killer della strage in moschea

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce