Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Afghanistan, la riscossa della resistenza ai talebani: riconquistati tre distretti di Baghlan

Immagine di copertina
Credit: Salam Watandar / Herat Times

Le forze di resistenza ai talebani in Afghanistan hanno riconquistato tre distretti nella provincia di Baghlan, a circa 200 chilometri dalla capitale Kabul. L’annuncio è arrivato ieri su Twitter dal ministro della Difesa del governo afghano sostenuto dall’Occidente, il generale Bismillah Mohammadi, una notizia poi confermata nel corso della giornata dai media locali e internazionali.

“Resistere ai terroristi talebani è un mio dovere. Le aree di Pol-e-Hesar, Deh Salah e Banu di Baghlan sono occupate dalle forze di resistenza locali. La resistenza è ancora viva”, ha twittato il generale afghano. Secondo l’emittente al-Arabiya, che cita alcuni funzionari locali della provincia, una decina di combattenti talebani sono rimasti uccisi e “molti altri” sono stati catturati dalle forze di resistenza durante gli aspri scontri in corso da ieri nella valle di Andarab. Stando a fonti locali, tra i miliziani catturati vivi dalle forze di resistenza ci sarebbe anche un comandante locale dei talebani.

Vale la pena ricordare che il distretto di Pol-e-Hesar si trova vicino allo strategico passo Khawak, nella valle del fiume Kunduz, e alla provincia del Panjshir, l’unica in Afghanistan non conquistata dai talebani e dove dalla caduta di Kabul si sono rifugiati vari leader e unità militari del governo sostenuto dall’Occidente.

Tra loro, secondo quanto annunciato in un editoriale sul Washington Post da Ahmad Massoud, figlio del leggendario “Leone del Panjshir” Ahmad Shah Massoud, assassinato da al-Qaeda due giorni prima degli attentati dell’11 settembre 2001, figurano soldati dell’Afghan National Army ed ex membri delle forze speciali militari afghane.

Nella valle del Panjshir, inespugnata sia dai sovietici che dai talebani, si trova anche Amrullah Saleh, vicepresidente dell’Afghanistan prima dell’arrivo dei talebani a Kabul che si è proclamato capo di Stato dopo la fuga dell’ex presidente Ashraf Ghani, accolto dagli Emirati Arabi Uniti. Al seguito anche l’ex capo di Stato maggiore delle forze armate afghane, Yasin Zia.

I combattenti panjshiri, stimati tra le 2.000 e le  2.500 unità, sono intenzionati a resistere ai talebani, come negli anni Novanta. Nonostante gli annunci dei cosiddetti studenti coranici, secondo l’ambasciatore dell’Afghanistan in Tagikistan, il tenente generale Zahir Aghbar, la guerra “non è finita”: la valle del Panjshir potrà infatti costituire una solida base per chi vorrà combattere i talebani se non si riuscirà a trovare un accordo politico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”