Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Uomini e donne separati nelle università di Herat: la prima “fatwa” dei talebani dal ritorno al potere

Immagine di copertina
Credit: EPA/HEDAYATULLAH AMID/ANSA

Alle donne sarà vietato frequentare classi miste nelle università pubbliche e private della provincia di Herat, nell’Afghanistan occidentale, dove fino a giugno erano schierati i militari italiani. È quanto prevede la prima “fatwa” emanata dai talebani dal ritorno al potere nella zona, come riportato dall’agenzia di stampa locale Khaama.

L’ordine è arrivato da alcuni funzionari talebani dopo un incontro di tre ore con i rappresentanti di docenti universitari, atenei e titolari di istituzioni accademiche private di Herat. Al termine della riunione, gli esponenti dei cosiddetti “studenti coranici” hanno affermato che non vi è alcuna giustificazione per proseguire con le classi miste e ne hanno disposto il divieto.

Secondo il mullah Farid, responsabile dell’istruzione superiore per l’Emirato islamico dell’Afghanistan, che rappresentava i talebani all’incontro avvenuto ieri nella provincia di Herat, bisogna porre termine al sistema di classi miste tra uomini e donne perché questo costituisce “la radice di tutti i mali della società”.

Come “unica alternativa possibile” all’attuale sistema in vigore negli atenei della provincia occidentale afghana, Farid ha proposto la creazione di classi separate per le donne in cui potranno insegnare solo docenti di sesso femminile o professori “uomini anziani virtuosi“. Il provvedimento riguarderà circa 40mila studenti iscritti e duemila docenti in servizio presso le università e le istituzioni accademiche private e pubbliche della provincia afgana.

Fino ad oggi, anche sotto il governo sostenuto dall’Occidente, in Afghanistan vigeva un sistema didattico misto con classi separate per ragazzi e ragazze nelle scuole e aule miste nelle università e negli istituti accademici pubblici e privati. La decisione dei talebani – per ora riguardante la sola provincia di Herat ma che potrebbe essere estesa ad altre zone del Paese – rischia di limitare il diritto all’istruzione superiore per le donne afghane.

La ragione è economica. Secondo l’agenzia di stampa locale Khaama infatti, i rappresentanti dei docenti universitari della provincia hanno denunciato che, poiché le istituzioni private non possono permettersi classi separate per via del limitato numero di ragazze iscritte, migliaia di donne potrebbero non avere più accesso all’istruzione superiore nella zona di Herat.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”