Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Tre donne ammazzate nel giro di 24 ore

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 8 Feb. 2021 alle 09:12 Aggiornato il 8 Feb. 2021 alle 09:21
6.8k
Immagine di copertina
Immagine di archivio Ansa

Tre donne ammazzate nel giro di 24 ore in Italia

Tre femminicidi in 24 ore. Tre donne uccise nel giro di un solo giorno. Tra sabato 6 a domenica 7 febbraio in Italia sono morte Piera Napoli, Heshta Luljeta e Ilenia Fabbri. Ammazzate con una ferocia e una violenza inaudita. A coltellate. Colpite a più riprese. Chi nella propria casa e chi in mezzo alla strada in pieno giorno sotto gli occhi dei passanti. Sono le stragi atroci e silenziose che poco meno di tre mesi fa abbiamo ricordato nella giornata della violenza contro le donne del 25 novembre.

Ieri a Palermo, Piera Napoli, cantante neomelodica di 32 anni, è stata uccisa a coltellate dal marito, che si è poi costituito. Nel Milanese, Heshta Luljeta, prostituta albanese di 47 anni, è stata uccisa in strada in pieno giorno, rincorsa da un uomo e presa a coltellate. Ilenia Fabbri, 46 anni, invece è stata trovata sgozzata in casa a Faenza sabato mattina. Una escalation di violenze che vedono vittime le donne attraversa tutta la penisola.

Palermo, la cantante neomelodica Piera Napoli uccisa a coltellate dal marito

La cantante neomelodica palermitana Piera Napoli, 32 anni, è stata uccisa a coltellate dal marito nella casa di Cruillas, quartiere popolare di Palermo in cui la coppia viveva con i tre figli.

Salvatore Baglione, 37 anni, si è presentato dai carabinieri, che sono poi andati nell’abitazione dove hanno trovato il cadavere della donna con diverse ferite da arma da taglio. Durante l’interrogatorio con il pm Federica Paiola e con il capitano Simone Calabrò, l’uomo ha confessato di aver ucciso la moglie ma non ha indicato il motivo del gesto.

Baglione in mattinata ha accompagnato i tre figli dai nonni e poi rientrato in casa. Non si conoscono ancora le cause che avrebbero acceso la scintilla del litigio tra moglie e marito, finito nel peggiore dei modi. Baglione però si è presentato intorno all’ora di pranzo alla stazione dei carabinieri, indirizzando i militari verso l’appartamento dove poi è stato ritrovato il cadavere della donna, su cui erano vi erano evidenti ferite da arma da taglio. Sul posto è stato rinvenuto anche un grosso coltello da cucina, probabilmente l’arma del delitto.

Donna inseguita e accoltellata per 5 volte in strada in pieno giorno nel Milanese

Una donna è stata inseguita in strada, in pieno giorno, poi accoltellata cinque volte, tre alla schiena e due alle gambe. La 47enne, Luljeta Heshta, è morta in ospedale dopo aver subito l’aggressione per strada a Pedriano di San Giuliano Milanese, in provincia di Milano. La donna, una prostituta, è stata immediatamente soccorsa: il 118 l’ha trovata riversa a terra. Trasportata d’urgenza all’Humanitas di Rozzano, è morta dopo un disperato intervento chirurgico.

A chiamare i soccorsi alcuni passanti che transitavano in auto sulla provinciale 40 che collega Melegnano e Binasco e che si sono accorti di quanto stava accadendo all’altezza di Pedriano. “Venite, un uomo vestito di scuro sta aggredendo una prostituta“, avrebbero detto, lanciando l’allarme alle forze dell’ordine. Un avviso che però non è bastato a fermare la furia omicida dell’uomo. All’arrivo dei carabinieri, dell’uomo non c’era già più traccia. La vittima, 47 anni di origini albanesi era regolare in Italia e con dei precedenti. La Procura di Lodi, che è competente per quella zona, ha aperto un’inchiesta per omicidio volontario. E il Procuratore Domenico Chiaro ha spiegato che “per ora, non c’è nessuna ipotesi esclusa o privilegiata in partenza ma febbrili indagini in corso”.

Donna sgozzata in casa a Faenza

Ancora nessun indagato per la morte di Ilenia Fabbri, la 46enne trovata sabato mattina sgozzata nella sua abitazione di Faenza, nel Ravennate. La polizia Scientifica ha eseguito nuovi rilievi mentre il pm ha affidato l’autopsia al medico legale Franco Tagliaro di Verona per approfondire le cause del decesso. Proseguono anche gli interrogatori delle persone informate sui fatti. Gli inquirenti stanno ascoltando la figlia, l’amica di quest’ultima presente in casa al momento del delitto, l’ex marito, l’attuale compagno e la vicina di casa che ha dato l’allarme. La donna era vestita di tutto punto come se dovesse uscire. Nelle scorse ore sono stati sequestrati un coltello, possibile arma del delitto, e il cellulare della donna.

“Faenza è stata scossa da un grave fatto di sangue. Come tutti sono sconvolto dall’efferatezza del gesto che ha tolto la vita a Ilenia Fabbri. Senza entrare nel merito delle indagini, fa però riflettere che a perdere la vita in modo così violento sia stata, ancora una volta, una donna” scrive Massimo Isola, sindaco di Faenza. “Ho massima fiducia negli investigatori, la polizia di Stato del commissariato di Faenza e la Squadra Mobile della Questura di Ravenna e degli organi inquirenti coordinati dalla Procura della Repubblica di Ravenna che stanno lavorando incessantemente da ieri per chiarire quanto accaduto. Come comunità faentina per ora possiamo solo stringerci al dolore dei famigliari e agli amici di Ilenia”, conclude.

Leggi anche: 1. “Mi picchiava con il batticarne, mi umiliava e mi diceva ‘puttana’. Ma quando denunci sei sola”; // 2. Femminicidio Roveredo in Piano, l’avvocatessa rinuncia a difendere l’uomo che ha ucciso la compagna: “Non posso accettare”; // 3. “Tremavo, ero un corpo vuoto: vi racconto cosa si prova durante uno stupro” | VIDEO TPI 

6.8k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.