Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sparatoria Napoli Noemi, il cardinale Sepe in visita: “È un miracolo”

Immagine di copertina

Sparatoria Napoli Noemi cardinale Sepe | “È un miracolo quello che è avvenuto. Appena Noemi starà bene la porterò dal Papa”. Sono le parole del cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe che è andato a fare visita alla piccola Noemi, la bambina ferita dopo un sparatoria a Napoli.

La piccola ha riaperto gli occhi nella mattinata del 10 maggio, e respira da sola, mentre le sue condizioni di salute migliorano di ora in ora. La bambina si trova nel reparto di Rianimazione all’ospedale pediatrico di Napoli Santobono.

“Le ho portato un peluche, ha sorriso con gli occhi. Abbiamo detto il Padre Nostro tutti assieme e lei ha mosso le labbra”, ha detto l’arcivescovo.

“Nella mattinata di oggi è stato effettuato un nuovo esame radiografico per monitorare le condizioni dei polmoni. La bambina, attualmente ancora sedata, interagisce coi sanitari e i familiari. Attualmente la respirazione è spontanea con supporto di ossigeno ad alti flussi. La prognosi permane riservata”, fanno sapere in un bollettino i medici dell’ospedale pediatrico Santobono.

” I medici oggi mi hanno spiegato che all’inizio nessuno sapeva cosa sarebbe potuto accadere. Oggi l’ho vista, mi guardava, sorrideva, ha provato anche a canticchiare una canzoncina con la mamma”, ha raccontato ancora il cardinale Sepe.

Al di là della tragedia, il cardinale ha voluto vedere un lato positivo: la vicenda di Noemi, secondo il religioso, ha creato un sentimento di fratellanza e la città si è unita nell’abbraccio alla piccola.

“Questo ha potuto dimostrare la nobiltà, la solidarietà, la sensibilità di un popolo come quello di Napoli che ci conferma che la città nella stragrande maggioranza è matura”, ha detto Sepe.

Le parole di Sepe si fanno dure quando parla degli autori della sparatoria, definendoli “schegge impazzite, disgraziati, poveri uomini, belve”.

“Questi disgraziati pensano di bistrattare e di violentare una cultura, una società, una città come Napoli attraverso queste azioni, quando uno violenta un’altra creatura, Dio la fa pagare eccome ed è pure giusto, perché tu offendi, ammazzi una mia creatura, perché Dio è padre di noi e quindi tu offendi Dio”, ha detto Sepe.

Intanto è previsto per oggi pomeriggio nel carcere di Santo Spirito a Siena l’interrogatorio di convalida del fermo per Armando Del Re. Il 28enne campano era stato arrestato ieri, 10 maggio, in un autogrill della Siena-Bettolle per la sparatoria del 3 maggio scorso a Napoli nella quale è rimasta ferita anche la piccola Noemi.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”