Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, cos’è la “sindrome della capanna” e quali sono i sintomi da non sottovalutare

Immagine di copertina

Secondo le stime della Società italiana di psichiatria (Sip), oltre un milione di italiani soffre della “sindrome della capanna o del prigioniero”, sindrome che in questa fase di lockdown potrebbe aver toccato diverse categorie di persone.

Ma di cosa si tratta? La sindrome consiste nella paura di uscire di casa che “in individui predisposti – come sottolineano gli esperti – aumenta il rischio di sviluppare psicopatologie e disturbi dell’adattamento”. Si ha paura di uscire e lasciare quella che non è più solo la nostra casa, ma per settimane, mesi, è stato anche l’unico luogo dove sentirci davvero al sicuro. Molti hanno fatto fatica a rimanere tra le mura domestiche, ma altri (meno animali sociali) si sono abituati senza troppe difficoltà e c’è anche chi ora fa fatica a tornare indietro.

Questa sindrome colpisce, ad esempio, chi è stato costretto a una lunga degenza. Ma, nella situazione attuale, può interessare diverse categorie di persone, anche quelle che non hanno mai manifestato particolari disturbi psicologici. E non solo chi è stato già contagiato dal Covid-19, chi è più a rischio perché ha già altre patologie o chi ha subìto dei lutti. “Le cause possono essere diverse e a volte si tratta di meccanismi inconsci, di cui non c’è neppure piena consapevolezza”, spiega a ilfattoquotidiano.it Roberto Ferri, presidente della Società italiana di Psicologia dell’emergenza.

I segnali da non sottovalutare

Possono, però, esserci segnali da non sottovalutare, come insonnia e irascibilità, che persistono nel tempo, anche diverse settimane dopo l’avvio della fase 2. Le persone più a rischio sono quelle con poca capacità di adattamento ai cambiamenti e “gli ipocondriaci che, probabilmente, già dai primi giorni di lockdown si sono sentiti perfettamente a loro agio e ora sono spaventati”, spiega lo psicologo. Ma la sindrome può facilmente colpire tutte quelle persone che già soffrono di fobie, ansia o forti problemi psichiatrici “e che a un certo punto, in molti casi, sono stati o abbandonati o seguiti con strumenti poco efficaci senza contatto personale”.

Si tratta di una reazione del tutto normale e comune, come precisano Di Giannantonio e Zanalda, anche in caso di persone equilibrate psichicamente, conseguente all’eccezionalità della situazione, come già avvenuto dopo il crollo delle Torri Gemelle. “Ma se il disagio si protrae per più di tre settimane – aggiungono i presidenti Sip – ed è acuito dall’incertezza verso il futuro, dalla preoccupazione per la situazione economica e per la precarietà del lavoro, in un caso su tre aumenta il rischio di sviluppare nel tempo veri e propri disturbi mentali, come la depressione maggiore, gli attacchi di panico e disturbi dell’adattamento”.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Leggi anche: 1. Rezza a TPI: “La terapia al plasma? Funziona ma non sostituisce il vaccino” / 2. Il caso De Donno, il prof anti-élite che alla fine legge il comunicato impostogli dai capi / 3. Coronavirus, il virologo Galli: “Milano è una bomba, troppi infetti in giro. Si rischia di richiudere tutto”

4. Apertura bar, ristoranti, parrucchieri e palestre: le date, regione per regione / 5. Coronavirus, l’indice di contagio R0 regione per regione: i dati aggiornati / 6. Coronavirus, bonus vacanze per le famiglie in difficoltà: la proposta del ministro Franceschini

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, in arrivo i test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, in arrivo i test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio
Cronaca / Il cane scappa sui binari: 33enne lo insegue, ma viene travolto e ucciso da un treno
Cronaca / Mascherine all'aperto: da quando non saranno più obbligatorie
Cronaca / Variante Delta, la preoccupazione degli esperti: “Nuova ondata verso la fine dell’estate”