Covid ultime 24h
casi +20.884
deceduti +347
tamponi +358.884
terapie intensive +84

“Silvia Romano? Trattata come una signora, quando le rapiamo noi non violentiamo, ma insegniamo”. Le frasi shock di un membro della comunità islamica di Torpignattara, a Roma

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 18 Mag. 2020 alle 12:06
270
Immagine di copertina
Silvia Romano nel giorno del suo ritorno in Italia (Credits: Ansa)

Hanno fatto molto discutere nei giorni scorsi le dichiarazioni, raccolte da Il Giornale, di un membro della comunità islamica di Torpignattara, a Roma, sul rapimento e la successiva liberazione di Silvia Romano. “Quando le rapiamo noi – ha dichiarato l’uomo, che secondo il quotidiano si fa chiamare Mohammed ed è un membro molto influente della comunità islamica – non le violentiamo, non gli facciamo le porcherie, ma gli insegniamo. Stando lì, Silvia Romano ha capito, ha ottenuto l’educazione con la prigionia. E’ educata, ha studiato. Hai visto come è arrivata? Felice. L’hanno trattata come una signora. Ma quali terroristi? I terroristi siete voi che buttate le bombe sopra i bambini insieme agli americani. Ma quale Al-Shabaab?”.

Parole molto forti, che sembrano quasi rivendicare il sequestro a fini di rieducazione, che sono state riprese anche dalla trasmissione di Rete 4 “Dritto e rovescio”. Nei giorni scorsi è arrivata la reazione di Fratelli d’Italia, con il deputato Giovanni Donzelli che ha presentato un esposto alla caserma di Prato per chiedere che venga verificato “se i fatti, la persona e i luoghi possono significare pericolo per la sicurezza e siano da considerare questi a termini di legge”. Il partito guidato da Giorgia Meloni ha anche annunciato un’interrogazione parlamentare alla Camera per quelle parole definite “gravissime” e meritevoli di arresto “per istigazione all’odio e al terrorismo”.

“Il punto – ha dichiarato inoltre Donzelli al Corriere della Sera – è se questa persona ha un ruolo. E se quella stupidaggine la dice anche alla comunità musulmana di quella zona. Se divulga quelle idee. Perché un conto è se una persona istiga alla violenza o al terrorismo. Un altro se in quella moschea si fa proselitismo di questo tipo”.

Leggi anche:

1. “Chiunque dopo due anni di prigionia tornerebbe convertito”: parla la madre di Silvia Romano / 2. Chiuso il profilo Facebook di Silvia Romano dopo le minacce e gli insulti. La procura apre un’inchiesta / 3. Mentana agli haters di Silvia Romano: “Sì, con il riscatto potevate fare qualcosa, istruirvi”

4. Silvia Romano, post shock del consigliere comunale: “Impiccatela”. Poi lo cancella / 5. Lo zio di Silvia Romano: “La conversione all’Islam non è stata spontanea, l’hanno drogata. È molto diversa da prima” / 6. Su Telegram jihadisti esibiscono foto di Silvia Romano convertita all’Islam come trofeo

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

7. Lettera di una prof musulmana a Silvia Romano: “Quello non è Islam e la tua conversione non è libertà” / 8. Domenico Quirico parla della conversione di Silvia Romano: “Conosco quel rito, vogliono la tua anima” / 9. Silvia Romano, Pippo Civati a TPI: “Li aiutava a casa loro, è un simbolo di speranza. I riscatti si pagano sempre”

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

270
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.