Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

I filmati, le trattative coi terroristi, lo scambio finale: le tappe della liberazione di Silvia Romano

Immagine di copertina
Silvia Romano. Credit: Ansa

Silvia Romano: la storia della liberazione

Una trattativa durata almeno tre mesi, e che ha condotto nella notte tra l’8 e il 9 maggio alla liberazione di Silvia Romano, la cooperante italiana di 24 anni rapita nella notte tra il 20 e il 21 novembre 2018 nel sud est del Kenya, a Chakama. A condurre le operazioni c’è l’Aise, l’Agenzia informazioni e sicurezza esterna, ma un ruolo decisivo lo giocano anche i servizi segreti turchi e somali. Tutto, però, ha inizio almeno a gennaio del 2020, quando la cooperante appare in un filmato. Come riporta il Corriere della Sera, è questa la prova che gli 007 cercavano: Silvia è viva e si può dare inizio alla trattativa per cercare di riportarla a casa. Una trattativa che si rivelerà lunga e faticosa. E che si conclude col pagamento di un riscatto in una zona a circa 30 chilometri da Mogadiscio, dove la ragazza viene consegnata alle autorità italiane da alcuni emissari dei sequestratori.

Come scrive sul Corriere Fiorenza Sarzanini, il primo vero segnale l’Aise lo riceve circa sei mesi fa, una prova (forse un altro video) che convince le autorità italiane che Silvia Romano sia viva. Il filmato di gennaio conferma poi che il rapimento ha a che fare col fondamentalismo islamico (e in particolare il gruppo terroristico Al Shaabab). E’ a questo punto che entrano in gioco i servizi segreti turchi e somali, forti di un radicamento sul territorio che gli italiani non possono avere. Vengono presi dei contatti coi sequestratori, vengono attivati degli informatori. Finché alcuni emissari dei sequestratori, scrive Sarzanini, “indicano come sede della prigione la zona di Bay, nel villaggio di Buulo Fulaay. Dicono che per un periodo è stata chiusa in un grotta con altri ostaggi. Fissano il prezzo finale, dopo i soldi versati per pagare i vari contatti. Non c’è una cifra precisa”.

Dopo una trattativa, viene fissato giorno e luogo dello scambio: Silvia verrà riconsegnata in cambio di una somma di denaro. Nonostante le condizioni climatiche avverse (un’alluvione) e dei colpi di mortaio, viene fissato l’incontro. Che si svolge senza particolari intoppi. Silvia Romano viene trasferita nell’ambasciata italiana, in attesa di fare ritorno nel nostro paese con un volo che atterrerà domenica 10 maggio, alle ore 10, all’aeroporto romano di Ciampino.

Leggi anche: 1. Bentornata Silvia, oggi più che mai abbiamo bisogno del meglio della tua generazione / 2. Chi è Silvia Romano, la volontaria rapita in Kenya

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass