Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Donne, scienziate e precarie: le 3 ricercatrici del “Sacco” che hanno isolato il ceppo italiano del Coronavirus

Immagine di copertina
Alessia Lai, 40 anni, Annalisa Bergna di 29, e Arianna Gabrieli, 35enne.

"Si accorgono di noi solo nelle emergenze". Alessia, Arianna, Annalisa sono le 3 donne che hanno isolato il ceppo italiano del Coronavirus all'ospedale Sacco di Milano. Sono lavoratrici precarie, così come lo era Francesca Colavita, la ricercatrice poi stabilizzata allo Spallanzani di Roma dopo aver isolato il virus dei turisti cinesi

Le 3 ricercatrici precarie dell’ospedale Sacco di Milano che hanno isolato il ceppo italiano del Coronavirus

Donne, ricercatrici e precarie è una storia già sentita quella che viene dall’ospedale Luigi Sacco di Milano e riguarda ancora il Coronavirus. Anche questa volta a isolare il ceppo italiano del virus partito dalla Cina sono state tre scienziate (e un ricercatore). Nuovo orgoglio dell’Università italiana dopo quello dell’Istituto Spallanzani di Roma, dove lo scorso 2 febbraio Francesca Colavita e il team del laboratorio di Virologia dell’istituto nazionale Malattie infettive avevano isolato il Coronavirus dai turisti cinesi. Colavita dopo lo straordinario risultato scientifico è stata stabilizzata. Si auspica lo stesso per le ricercatrici dell’ospedale milanese.

Le tre ricercatrici del “Sacco” che il 27 febbraio hanno isolato il coronavirus “italiano”, quello che ha contagiato i pazienti nella zona rossa del Lodigiano, si chiamano Alessia Lai, 40 anni, Annalisa Bergna di 29, e Arianna Gabrieli, 35enne.

Il primario di Malattie infettive del Sacco di Milano e direttore dell’Istituto di scienze biomediche, Massimo Galli, ha annunciato il risultato a cui hanno lavorato le ricercatrici italiane senza fermarsi per sei giorni e sei notti.

Nella squadra scientifica che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus oltre alle ricercatrici Lai, Bergna e Gabrieli ci sono anche due uomini, il collega polacco Maciej Tarkowski e il professore associato nell’Università statale di Milano Gianguglielmo Zehender. Il team è coordinato da un’altra donna: la professoressa Claudia Balotta.

La biologa Lai in un’intervista al Corriere della Sera commenta il successo scientifico raggiunto insieme alle colleghe: “Lavorativamente parlando è un successo, ma ora stiamo andando avanti. L’isolamento non basta, ci sono altre indagini da fare. In ricerca non c’è quasi mai l’arrivo del percorso”.

La ricercatrice di Parabiago (Milano) racconta al quotidiano la sua carriera da ricercatrice in Italia. La scienziata 40enne ha aperto la partita Iva ed è libera professionista. “Ho iniziato a lavorare al Sacco prima della tesi nel 2004 — spiega —, nel 2005 mi sono laureata, poi ho proseguito con un dottorato concluso nel 2009”.

Un percorso professionale incerto e che vive di finanziamenti. Negli ultimi dieci anni, Lai ha “campato” grazie ai vari assegni di ricerca, “che insieme alle borse di studio sono il modo migliore per andare avanti”.

“Se mi spaventano le incertezze di questo mestiere? Voglio fare la ricercatrice dai tempo del liceo — continua —, la carriera universitaria non è mai stata semplice. A 40 anni spero di poter continuare la passione di una vita”.

“Si accorgono di noi solo nelle emergenze. Passo più tempo in laboratorio che a casa”, conclude.

La collega Arianna Gabrieli, 37 anni, viene invece dal sud, Galatina, in provincia di Lecce, e guadagna 1400 euro netti al mese con partita Iva, vale a dire 28mila euro lordi l’anno. In un’intervista a Open la ricercatrice del “Sacco” ha raccontato: “A Milano con 1400 euro sopravvivi, ho sempre l’ansia che non mi venga rinnovato il contratto. L’indeterminato? Sarebbe il mio sogno”.

Tra le tre ricercatrici precarie la più giovane è Annalisa Bergna, di Paderno Dugnano (Milano), che ha solo 29 anni.

ricercatrici sacco coronavirus

Le donne che ci salvano dal virus, le donne che facciamo a pezzi: l’Italia del 2020 (di Giulio Gambino)

Cosa vuol dire esattamente aver isolato il Coronavirus

Chi sono le ricercatrici italiane che hanno isolato il Coronavirus allo Spallanzani

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila
Cronaca / Stangata su benzina e gasolio, i prezzi per un pieno volano e sono destinati ad aumentare ancora
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass