Me

Palermo, giovane massacrato di botte dal parcheggiatore abusivo: si era rifiutato di pagare

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 24 Giu. 2019 alle 21:19
Immagine di copertina

Ragazzo picchiato parcheggiatore abusivo | È successo venerdì 21 giugno a Palermo. Un ragazzo è stato aggredito  all’interno di un posteggio auto da un parcheggiatore abusivo a cui si era rifiutato di dare del denaro.

Un uomo di 28 anni è indagato ma resta al momento in stato di libertà. Ma cosa è successo? Secondo la ricostruzione della polizia, che si basa sulla testimonianza della vittima, l’aggressione si è verificata in seguito a un diverbio fra i due uomini.

Lei lo lascia, lui spacca la testa della suocera a colpi di mannaia

Il ragazzo aveva parcheggiato la sua auto presso il parcheggio comunale degli Emiri. Al suo ritorno, il parcheggiatore abusivo si sarebbe avvicinato intimandogli di dargli dei soldi. Di fronte al rifiuto del guidatore, l’uomo ha cominciato a tirare delle gomitate sul finestrino.

Una volta infranto il vetro, si è avventato sulla vittima tirandole dei pugni. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, “solo l’intervento di alcune persone che hanno bloccato il posteggiatore ha consentito al ragazzo di sgommare a bordo della sua auto scongiurando conseguenze più gravi”.

Il ragazzo ha testimoniato dall’ospedale, dove è stato medicato “ancora scosso, dolorante e piena di ecchimosi”.

“Emma Bonino è una corrotta che spara solo stronzate”: gli insulti alla senatrice dopo il malore

Ragazzo picchiato parcheggiatore abusivo | Il presunto responsabile, che per il momento resta in stato di libertà, è stato individuato dalla polizia alcune ore dopo l’aggressione. Si tratta di un giovane di 28 anni di Monreale (Palermo) con dei precedenti.

Il giovane era già noto alle forze dell’ordine proprio per aver svolto abusivamente il lavoto di posteggiatore.

Il 28enne era stato poi sanzionato e allontanato. “Era destinatario di un Daspo Urbano emesso dal Questore con cui gli è stato vietato per un periodo di due anni di accedere e stazionare nell’area di via Nina Siciliana- ha spiegato la polizia.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

L’uomo è attualmente indagato per tentata estorsione, danneggiamento e violazione del Daspo urbano.

“Negra di me**a, torna nella tua giungla”: candidata alle Europee denuncia insulti razzisti