Me

Lei lo lascia, lui spacca la testa della suocera a colpi di mannaia

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 24 Giu. 2019 alle 17:27 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:48
Immagine di copertina

Spacca testa suocera mannaia | Una storia talmente agghiacciante da avere dell’assurdo. A Caversham, nel la parte meridionale del Regno Unito, un uomo ha spaccato la testa della suocera a colpi di mannaia “perché la compagna lo aveva lasciato”.

Lucke Mackroy è stato condannato venerdì 21 giugno a 18 anni di carcere per avere aggredito “selvaggiamente” la suocera, Nicki Murnane, cercando di ucciderla con una mannaia. I media locali hanno riportato che durante il processo l’uomo non ha mostrato alcun segno di rimorso.

Roma, domani lo sciopero Atac: tutte le informazioni

Lucke era stato lasciato dalla fidanzata 27enne, Victoria. I due si conoscevano dalle elementari e, quando la storia è finita, lui ha deciso di vendicarsi sulla madre della compagna. L’uomo ha così indossato una maschera di Halloween e ha aggredito la 53enne alle spalle, sul pianerottolo di casa.

La donna è stata portata di corsa alle urgenze e, incredibilmente, è riuscita a salvarsi nonostante la frattura al cranio e i 47 punti metallici nella testa.

Spacca testa suocera mannaia | Non pago, l’aggressore ha inviato un messaggio alla sua vittima mentre quest’ultima si trovava ancora in ospedale: “Dolcetto o scherzetto, odore del sangue”. “Ha un buon odore vero? Ahaha. Sono ancora qui fuori pensando di finirti”.

Luke Mackroy è stato arrestato il giorno seguente e ha registrato un video messaggio per la sua famiglia. Durante il processo l’uomo ha affermato di non provare alcun rimorso per il suo gesto.

Dal letto di ospedale, la vittima ha raccontato la dinamica dell’aggressione ai media locali: “All’improvviso, ho visto qualcosa con la coda dell’occhio. Ho guardato e visto lui. Indossava una maschera di Halloween. Era grande e nero, tutto quello che potevo vedere erano i suoi occhi. E poi mi ha urlato: ho intenzione di tagliarti la testa e di ucciderti. E così ha fatto, ma non sono morta”.

Palermo, disabile non imbarcato per la batteria della sedia a rotelle su cui è costretto a vivere

Offese a Camilleri, per la petizione contro Vittorio Feltri 80mila firme in 4 giorni

La bambina di 8 mesi morta a Salerno era vittima di ripetuti maltrattamenti in famiglia