Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

Palermo, disabile non imbarcato per la batteria della sedia a rotelle su cui è costretto a vivere

Di Marco Nepi
Pubblicato il 24 Giu. 2019 alle 16:56 Aggiornato il 24 Giu. 2019 alle 17:04
0
Immagine di copertina

Disabile non imbarcato | Aeroporto di Palermo | Reclamo

DISABILE NON IMBARCATO AEROPORTO PALERMO – A un disabile viene negato l’imbarco sull’aereo per la batteria della sua sedia a rotelle su cui è costretto a vivere. Lui si rivolge ad un’associazione dei consumatori per un reclamo. Il protagonista della vicenda è Michael Baioni Bechtol, un giovane paraplegico di Chiaravalle, in provincia di Ancona, che è stato vittima di disguidi e dinieghi all’aeroporto di Palermo.

Il disabile aveva prenotato un volo di andata e ritorno sulla tratta Ancona-Palermo, con la stessa compagnia aerea, la Volotea. I disagi si sono verificati allo scalo siciliano, l’8 giugno scorso, quando il giovane, la compagna di Serra de’ Conti e suo figlio minorenne erano pronti per tornare ad Ancona. Per motivi di sicurezza al disabile non è stato possibile imbarcare la batteria, invece consentito dalla stessa compagnia nel volo di andata.

Baioni, che viaggia spesso in aereo, era consapevole che alcune compagnie applicano misure più restrittive, si è quindi recato al presidio carabinieri all’aeroporto dove ha lasciato in custodia la batteria per farla ritirare in seguito.

> Tutte le notizie di cronaca di TPI

Quando è tornato al check-in, gli è stato risposto dal responsabile di volo della compagnia aerea che nel frattempo l’imbarco era stato chiuso. È partito un reclamo.

Disabile non imbarcato | Palermo | Il reclamo

L’Unione nazionale dei consumatori ha iniziato l’iter per un formale reclamo contro la compagnia aerea e informato l’Enac e la società di gestione dell’aeroporto di Palermo per gli accertamenti nei confronti della compagnia aerea. Gli avvocati Corrado Canafoglia e Elisa Pellegrini, referenti dell’Unc per le Marche, hanno dichiarato: “Vogliamo che simili episodi, umilianti, non si ripetano più e che venga definita una legge nazionale chiara per evitare che alcune categorie vengano discriminate”.

Della vicenda sono stati informati anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.