Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Bologna, il quartiere Pilastro scende in strada dopo il blitz di Salvini: “Qui non è il Bronx”. Il ragazzo del citofono: “Ora per tutti sono uno spacciatore”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 24 Gen. 2020 alle 23:07 Aggiornato il 25 Gen. 2020 alle 12:53
1.3k

Bologna, il quartiere Pilastro scende in strada dopo il blitz di Salvini: “Qui non è il Bronx”. Il ragazzo del citofono: “Ora per tutti sono uno spacciatore”

“Il Pilastro reagisce, il Pilastro è una comunità che vuole essere rispettata, il Pilastro è un’altra cosa”. Centinaia di cittadini si sono riuniti nel quartiere di Bologna del Pilastro per protestare contro la “citofonata” di martedì 21 gennaio di Matteo Salvini.

E celebrare il tessuto sociale di una periferia molto diversa da quella dipinta dai messaggi che la Lega ha diffuso attraverso il tour dell’ex vicepremier. “L’unico politico che è venuto qui con la scorta”, dice qualcuno.

“Troppo facile venire in un territorio fragile, entrare nella piazza di cittadini privati e amplificare il racconto con l’aiuto dei media”, osserva il sindaco di Bologna, Virginio Merola. E aggiunge: “Qui non è il Bronx”.

Insieme al primo cittadino i rappresentanti di fondazioni, scuole, associazioni di volontariato e centri ricreativi sono intervenuti di fronte alla biblioteca del quartiere, a due passi dal monumento eretto in onore dei caduti della Uno Bianca, il gruppo terroristico che ha mietuto vittime tra le forze dell’ordine proprio al Pilastro tra gli anni ’80 e ’90. Un passato di cui il quartiere porta ancora le ferite.

“La nostra comunità è stata ferita da uno che è venuto qui pochi minuti lasciando lacerazioni profonde, perché ha esposto a pericoli chi ha fatto segnalazioni e una famiglia con un ragazzo minorenne che è stato messo alla gogna”, afferma a gran voce Stefano Borsaro, presidente del quartiere San Donato-San Vitale.

“Noi vogliamo ricordare che qui non ci sono marocchini o tunisini, ma solo cittadini”, dichiara un membro della Casa Famiglia di Pilastro.

E tra i cittadini scesi in strada anche Iaia, il ragazzo oggetto della provocazione di Salvini. “Fino all’altro giorno ero solo Iaia la cartola, ora sono Iaia lo spacciatore”, afferma timido. Ma attorno a lui si sente il calore degli abitanti del Pilastro, l’amicizia dei coetanei e delle famiglie che lo conoscono da sempre. E un tessuto di cittadinanza attiva di cui gli abitanti vanno orgogliosi, nonostante i problemi della periferia.

Leggi anche:

Citofono Salvini, parla a TPI il ragazzo tunisino: “Ho denunciato, non so perché dicono che spaccio” | VIDEO

Salvini suona al citofono, il sindaco di Bologna Merola: “Una vergognosa sceneggiata”

Intervista esclusiva di TPI a Romano Prodi: “Zingaretti è l’uomo giusto per cambiare il Pd”

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno

Blitz al citofono, marcia indietro di Salvini: “Se il ragazzo è innocente avrà le mie scuse”

1.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.