Blitz al citofono, marcia indietro di Salvini: “Se il ragazzo è innocente avrà le mie scuse”

Di TPI
Pubblicato il 24 Gen. 2020 alle 09:25 Aggiornato il 24 Gen. 2020 alle 09:26
12k
Immagine di copertina

Matteo Salvini, in un collegamento con la trasmissione Agorà su Rai Tre, è tornato sulla vicenda del suo blitz a Bologna, quando ha citofonato a una famiglia di origini tunisine chiedendo loro se spacciassero. E ha fatto una parziale marcia indietro: “Contro la droga non sono garantista, è morte. Se questo ragazzo non sarà ritenuto uno spacciatore avrà le mie scuse. Poi in quel palazzo si spaccia. Punto. E non vado a fare io gli arresti. Ma contento che l’Italia sappia che là si spaccia”.

Salvini ha quindi tenuto il punto sullo spaccio di droga e ha continuato ad affermare che il problema esiste anche in quel palazzo. Il leghista, però, stavolta ha riconosciuto che sulle responsabilità del 17enne a cui ha citofonato non ci sono certezze, mostrandosi disponibile a scusarsi con lui.

Salvini già ieri, in occasione di un comizio a Piacenza, era tornato sull’episodio, dichiarando: “Adesso mi manca solo di essere denunciato da uno spacciatore e le ho viste tutte. Sono orgoglioso di essere andato in una zona della periferia bolognese dove non vedevano un politico da anni a dare una mano a madri e padri nella loro lotta alla droga”.

Lo stesso ragazzo a cui il leghista aveva citofonato, intervistato ai microfoni di TPI, aveva dichiarato: “Sono andato a denunciare. Non spaccio, non ho nessun precedente”.

TPI ha intervistato anche Anna Rita Biagini,  la donna bolognese del quartiere Pilastro che ha condotto Salvini per mostrargli la casa del presunto spacciatore: “Non ho portato io Salvini al citofono, alcuni esponenti della Lega ieri mattina mi hanno contattato chiedendomi di indicare loro dove abitano gli spacciatori della zona e io gliel’ho semplicemente detto”, ha spiegato. “Sapevano che ho foto di queste persone che spacciano, che ho già fatto avere alla polizia e ai carabinieri”.

Leggi anche:

Bologna, danneggiata l’auto della donna che ha portato Salvini al citofono del presunto spacciatore

L’avvocato a TPI: “Salvini potrebbe essere denunciato, 4 ipotesi di reato” per aver citofonato al tunisino

“Lei spaccia?”. Salvini che citofona a casa di un tunisino è il vero punto di non ritorno (di L. Telese)

Se Salvini può citofonare sentendosi uno sceriffo la colpa è nostra: ormai tutto è permesso (di L. Tosa)

Salvini vada a caccia di spacciatori senza telecamere e senza scorta (di L. Tomasetta)

Il mio problema non è solo Salvini che citofona a un minorenne tunisino, ma la signora Anna Rita e il Far West bolognese in cui crede di vivere (di G. Gambino)

12k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.